Lila dice

Lettera al Ministro Speranza - Programma EU4Health

Commissione ueTitolo: Abbassare il livello di azione dell’UE sul fronte sanitario è la risposta sbagliata alla crisi generata dal coronavirus
Autori: LILA, CSF (Civil Society Forum)
Data: 23 ottobre 2020

Un duro scontro tra istituzioni e tra paesi europei caratterizza i lavori sul prossimo bilancio pluriennale dell’Unione 2021-27 che dovrebbe sostenere il NextGenerationEU, programma di rilancio europeo post-Covid e i programmi di settore come il programma per la salute EU4Health.

LILAReport 2019 - L'HIV/AIDS in Italia

logo LilaReport 2019Più di 10mila colloqui effettuati solo nell’ultimo anno tramite i servizi di helpline e di testing, oltre 17mila discussioni aperte su “Lilachat”, il nostro forum di discussione tra persone con HIV, 600mila accessi annui al sito (visitatori unici) e poi i dati sui questionari rivolti a quasi mille ragazzi e ragazze nel corso di interventi di prevenzione e Milano e Cagliari nelle scuole e nelle Università: sono i numeri del LILAReport2019, terza edizione del nostro annuale rapporto sull’HIV/AIDS in Italia, un’analisi basata sulla mole di contatti più consistente del panorama nazionale, riguardo questi temi.

Partner Notification e Sedi LILA - Formazione Nazionale 2019

Data: 14 e 15 settembre 2019
Luogo: Centro Congressi "La Principessa" - Campora San Giovanni, Amantea (CS)

La Formazione interna della Federazione, tenutasi presso Amantea, è stata dedicata al tema della Partner Notification.

LILAReport 2018 - L'HIV/AIDS in Italia

logo LilaReport2018 smallTorna anche quest’anno, in occasione della Giornata Mondiale di Lotta all’AIDS, l’appuntamento con i dati sulle attività della LILA. L’obiettivo di “LILAReport2018” è quello di fornire a stampa, opinione pubblica, operatori sociali e istituzioni uno spaccato complessivo delle esigenze, delle paure e dei pregiudizi che continuano a caratterizzare il tema HIV/AIDS. Il rapporto è frutto del lavoro capillare e quotidiano svolto dalle nostre sedi e dai nostri volontari, attivi su tutto il territorio nazionale, in ambiti d’intervento per noi fondamentali quali: le attività di HelpLine per la prevenzione, l’informazione e il supporto, i servizi di test rapidi per l’HIV, le attività di prevenzione nelle scuole e nelle Università, esemplificate dal progetto "EducAIDS" di LILA Cagliari. A questi settori aggiungiamo quest’anno anche una lettura ulteriore, fornita dai dati sugli accessi al nostro sito www.lila.it e al nostro forum di discussione "Lilachat".

PrEPariamoci! La PrEP e le sedi LILA - Formazione Nazionale 2018

Data: 13 e 14 ottobre 2018
Luogo: Centro Congressi "La Principessa" - Campora San Giovanni, Amantea (CS)

La Formazione interna della Federazione, tenutasi presso Amantea, è stata dedicata interamente al tema della PrEP, Profilassi Pre Esposizione.

La PrEP attualmente nel nostro paese è disponibile con prescrizione medica ed acquistabile dalle persone in farmacia. L’assenza di un programma nazionale supportato dal SSN di questa importante offerta di prevenzione fa sì che spesso le persone che sono interessate alla PrEP reperiscano con difficoltà le informazioni e non possano accedere gratuitamente a una serie di esami necessari nella valutazione della terapia pre esposizione.

Nel nostro lavoro di HelpLine e di offerta del test HIV le richieste su questo tema sono in aumento, provengono prevalentemente da MSM visto anche l’elevato numero di persone omo e bisessuali che si rivolgono ai nostri servizi (il 40% per i servizi di testing e 20% di HelpLine).

LILAReport 2017

Questo report deriva dal capillare e quotidiano lavoro svolto dalle nostre sedi e dai nostri volontari su tutto il territorio nazionale con l’offerta di servizi di prevenzione e supporto gratuiti, anonimi, non giudicanti e altamente orientati all’accoglienza delle persone. Tali attività si configurano come vere e proprie “antenne sociali” rispetto alle esigenze, alle paure, ai pregiudizi che si muovono intorno al tema HIV/AIDS, facendo della LILA un osservatorio privilegiato rispetto al fenomeno oltreché un fondamentale presidio di prevenzione.
L’analisi che riportiamo è relativa, in particolare, a tre ambiti d’intervento per noi fondamentali quali l’attività di HelpLine e le attività di HIV testing svolte dalle sedi e le attività di prevenzione rivolte ai giovani esemplificate dal progetto scuole di LILA Cagliari.

Droghe: convocazione conferenza nazionale, diffida al governo

20170816 DiffidaTitolo: Droghe: convocazione conferenza nazionale, diffida al governo
Autori: Antigone, Forum Droghe, LILA, Associazione Luca Coscioni,Società della Ragione
Data: 31 luglio 2017

Droghe. Il governo batta un colpo!

CameraTitolo: Droghe. Il governo batta un colpo!
Data: 3 febbraio 2017
Autori: A Buon Diritto, Antigone, Associazione Luca Coscioni, CGIL, CILD, CNCA, Comunità di San Benedetto al Porto, Forum Droghe, FP CGIL, ITARDD, La Società della Ragione, LegacoopSociali, LILA, Possibile, Radicali Italiani

Profilassi pre esposizione in Hiv: lettera aperta e pubblica al ministro della Salute

Lettera PrEPTitolo: Profilassi pre esposizione in Hiv: lettera aperta e pubblica al ministro della Salute
Data: 30 novembre 2016
Autori: Arcigay, LILA, Nadir, Mario Mieli, Plus

Lettera-appello di 5 associazioni per il 1 dicembre alla ministra della Salute Lorenzin: la PreP fondamentale strumento di contrasto dell’Hiv, il ministero si attivi per garantirne l’accesso.

Da Liz Taylor e Rock Hudson ad oggi: non calano gli ossessionati dal virus

Liz Taylor e Rock Hudson13 gennaio 2016
di Diego Scudiero (Presidente LILA Bologna)

Nel 1985, la pubblicazione della diagnosi da Hiv da parte dell'attore americano Rock Hudson aveva scatenato il terrore in chi gli si era avvicinato. Nel 2015 un ufficio scolastico suggerisce a una bambina con Hiv di fare lezioni a distanza. La paura del virus anche in assenza di rischi non è cambiata in 30 anni, come confermano i dati dei centralini telefonici Lila.

“Valentino T.” e gli altri: i casi limite non rappresentano il mondo dell'Hiv

LILA12 gennaio 2016
di Ludovica Jona (Ufficio Stampa LILA)

La giornata del 1° dicembre è stata dominata dalla storia di un uomo con Hiv accusato di aver trasmesso consapevolmente il virus a diverse donne. Ma concentrare l'attenzione su storie estreme non aiuta a prevenire la diffusione dell'infezione. Perché la prevenzione richiede la responsabilità di ciascuno.

Sottocategorie