Lila dice

Irregolarità nell’utilizzo dei fondi per la diagnosi di infezione da HIV stanziati per gli “Obiettivi di Piano Sanitario Nazionale 2012”

Data: 31 ottobre 2013
Autore: LILA Onlus e CittadinanzAttiva.

Sedici le regioni che avevano la possibilità di presentare progetti sulla diagnosi di infezione da HIV (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto). A fine settembre 14 avevano presentato gli atti deliberativi al Ministero, mentre risultavano assenti Calabria e Campania.
Di queste 14 delibere approvate, LILA e Cittadinanzattiva hanno potuto reperire i progetti esecutivi , con non poche difficoltà, in 10 regioni (Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana, Umbria e Veneto) e su queste hanno effettuato l'analisi.

Riduzione del Danno alle Sbarre - LILA InFormazione 2013

LocandinaData: 15 e 16 giugno 2013
Autore: Segreteria Nazionale LILA Onlus

La Formazione interna della Federazione, tenutasi presso Nocera Terinese, è stata dedicata interamente al tema delle iniziative di Riduzione del Danno in contesti di detenzione.

In Italia in nessun Istituto penitenziario sono previsti interventi di riduzione del danno. Non è possibile fornire preservativi o siringhe sterili ai detenuti e alle detenute, che non possono entrarne in possesso in alcun modo. In diversi Paesi, anche europei, per esempio Spagna, Germania, Svizzera, Scozia, e altri, le cose sono diverse. Ciò risponde alle direttive di tutti gli organismi internazionali che a vario titolo si occupano di Hiv e altre malattie infettive (epatiti) e detenzione, dall'Organizzazione Mondiale della Sanità all'Onu, che affermano che le persone detenute hanno diritto alla prevenzione come tutti gli altri: il diritto alla salute è un diritto umano.
Una pubblicazione dell'Istituto Superiore di Sanità ipotizza che le persone detenute che vivono con l'Hiv rappresentino il 7,5 del totale (e in carcere si trovano anche persone in Aids). La sieropositività in carcere merita maggiore attenzione.
Ne abbiamo discusso durante la nostra formazione annuale. Una formazione caratterizzata da relatori e relatrici esclusivamente "made in LILA". Una scelta dettata dal bisogno di abbinare alla pura "formazione" un dibattito interno diretto alla individuazione delle nostre future strategie politiche su HIV e Carcere.
I nostri e le nostre inviate alle Conferenze Internazionali sono tornati con materiale e slide da condividere con le sedi attive sul territorio.
In un ottica di condivisione allargata rendiamo disponibile il materiale utilizzato per la nostra formazione a tutte le persone interessate.

Can we remove the purple halo? Infectivity issues implications from PLHIV perspective - Possiamo rimuovere l'alone Viola: il rischio infettivo le sue implicazioni nella prospettiva delle persone con Hiv

Data: 13 maggio 2013 - Torino, ICAR 2013
Autore: LILA - Alessandra Cerioli

Nel Workshop "TREATMENT AND PREVENTION: WHICH IMPLICATIONS" è stato affrontato il tema del infettività e della paura del contagio oggi, a più di 30 anni dalla comparsa dell'Hiv.

Il Dipartimento di Serpelloni - Serpelloni's Department

Data: marzo 2013
Autore: Lila - Ufficio Stampa

Lila descrive attualità e attività del Dipartimento per le Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio e del suo direttore Giovanni Serpelloni.
Disponibile anche in inglese.
A note edited and disseminated by LILA Onlus – Italian League for Fighting Aids about the activities of the Italian Department for Antidrug Policies (DPA) and its director, dott. Giovanni Serpelloni.

Hiv e media. Breve guida per gli operatori dell'informazione

Data: 1 dicembre 2012
Autore: Lila

La LILA offre questo strumento di lavoro agli operatori dei media, il cui ruolo è fondamentale nel veicolare le giuste informazioni su Hiv e Aids. Non un insieme di regole, ma una “cassetta degli attrezzi” utile ad affrontare un argomento che attraversa ogni aspetto del vivere civile: sanitario, economico, sociale, che solo in Italia interessa la vita di decine di migliaia di persone. Nella lotta contro Hiv/Aids i giornalisti sono compagni di strada, in tutto il mondo.

Lettera aperta a Beppe Grillo. Perché l'Aids esiste

Data: 17 maggio 2012
Autore: Lila - Alessandra Cerioli

Egregio Beppe Grillo,
le scriviamo perché crediamo che sia venuto il momento di chiedere una sua chiara, aggiornata e seria presa di posizione sul tema Hiv/Aids, dato che il suo nome viene molto sbandierato, grazie a un suo spettacolo di qualche anno fa, in innumerevoli mail che riceviamo e post che affollano i social network nostri e altrui, compreso il suo blog.

Teorie negazioniste e proposte di cura non sperimentate. La posizione della Lila.

Data: 28 febbraio 2012
Autore: Lila

Ciclicamente tornano le pericolose teorie complottiste su Hiv/Aids. La Lila difende il diritto alla salute e il diritto a ricevere informazioni corrette.

25 anni di Lila

Data: 21 gennaio 2012
Autore: Lila - Alessandra Cerioli

Il 21 gennaio 1987 nasceva la Lega Italiana per la Lotta contro l'Aids
La comunicazione della presidente Alessandra Cerioli ai soci, agli amici, ai sostenitori, a tutti coloro che hanno fatto e continuano a fare la storia della Lega Italiana per la Lotta contro l'Aids.

Priorità per combattere l’Hiv nei prossimi 5 anni

Data: 1 dicembre 2010
Autore: Anlaids, Arcigay, LILAe Nadir

Documento congiunto di Anlaids, Arcigay, Lila e Nadir presentato a palazzo Chigi durante la Giornata Mondiale dell’Aids alla presenza del sottosegretario G. Letta, del ministro della Salute F. Fazio e del presidente dell’ISS E. Garaci.

Il profilattico nell’era dell’Aids

era aidsData: 1 dicembre 2010
Autore: Lila - Patrizia Perone

Nonostante l’indiscutibile efficacia nella prevenzione dell’Hiv, in Italia il profilattico è tutt’oggi un tabù. Una rassegna delle principali campagne di prevenzione istituzionali mette in luce come la diffusione del profilattico sia stata ostacolata più che promossa persino da chi si è assunto la responsabilità di tutelare la salute pubblica.

Cosa pensa la Lila della PrEP

Data: 30 novembre 2010
Autore: LILA

La PrEp (pre-exposure prophylaxis, la profilassi pre-esposizione) può essere una modalità di prevenzione in situazioni a rischio di Hiv? La Lila spiega e commenta lo studio internazionale “iPrEx” appena pubblicato sul New England Journal of Medicine.

Sottocategorie