mani fioccoSolidarietà della LILA agli ospiti HIV della casa alloggio di Bitonto: "basta discriminazioni, basta istituzioni inermi".

Troppi gli episodi di discriminazione nei confronti delle persone con HIV che si sono registrati in Italia in questi ultimi mesi. L'ultimo caso è accaduto in Puglia, dove gli ospiti di una casa alloggio per persone con HIV sono stati respinti da uno stabilimento balneare. In un comunicato stampa la LILA ha espresso piena solidarietà al centro “Raggio di Sole” di Bitonto denunciando il pericoloso riemergere di una cultura dello stigma, oggi come allora, assolutamente immotivata da un punto di vista scientifico, oltreché in aperta violazione dei fondamentali diritti umani e della legge 135/90. Tante le responsabilità, a partire dalle istituzioni che non hanno mai favorito la diffusione di corretti messaggi di prevenzione e che ancora tacciono sulla rivoluzione U=U: le persone con HIV in trattamento ART con soppressione virologica non trasmettono il virus. 

Leggi il comunicato stampa della LILA

U=U: scopri di più

Restaincurahiv campaign 3Un questionario per migliorare la salute delle persone con HIV in Italia

L’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani”, sta coordinando un progetto dal titolo “Linkage to care in HIV. Un ulteriore tassello all’analisi del continuum of care in HIV in Italia,” svolto in collaborazione con numerose Associazioni per la lotta contro l’AIDS. Tra le diverse azioni è prevista anche la conduzione di un’indagine online, tramite questionario , rivolta alle persone con HIV. L'obiettivo è raccogliere alcune informazioni sul percorso di cura seguito sucessivamente alla diagnosi.

Se hai ricevuto una diagnosi tra il 2016 e 2019 compila il questionario entro il 20 settembre 2019: è assolutamente anonimo e ci aiuterai a migliorare il percorso di cura delle persone con HIV nel nostro paese!

RESTA IN CURA HIV – QUESTIONARIO –  https://quest.inmi.it/restaincuraHIV

Vai alla notizia 

NOI POSSIAMOU=U, concluso lo studio PARTNER2: l'HIV non si trasmette se la carica virale è soppressa

Pubblicate su “The Lancet” le conclusioni definitive dello studio PARTNER 2. Lo studio conferma quanto già emerso nella prima fase della ricerca e fornisce evidenze scientifiche definitive sul principio U=U, Undetectable= Untrasmittable: le persone con HIV in trattamento ART (antiretrovirale), con carica virale sopprressa non trasmettono sessualmente il virus. Se la prima fase di PARTNER aveva escluso con certezza rischi di trasmissione nei rapporti sessuali vaginali, la fase 2 ora li esclude definitivamente anche per i rapporti anali.

Leggi qui per saperne di più

BETTER1HIV e assicurazioni: ancora troppe discriminazioni, partono i gruppi d’acquisto con “BetterTogether”

Ci sono settori della nostra vita di cittadini e cittadine da troppo tempo preclusi alle persone con HIV: mutui, accesso al credito, assicurazioni. Si tratta di discriminazioni gravi perché ledono l’esercizio di importanti diritti e rendono impossibile anche assolvere a precisi doveri richiesti dalle legge. Per questo stanno nascendo nel campo assicurativo dei gruppi d’acquisto tra persone con HIV. A proporli, nei settori, vita, viaggi, salute e infortuni è la società ”Better Together”. La LILA sostiene questa iniziativa che, oltre a venire incontro alle esigenze negate delle persone con HIV, punta anche imporre un cambiamento di rotta alle Compagnie.

Leggi qui per saperne di più

 

 

venere 1 20120622 1148476128 2Senza il contributo delle donne non c’è diritto alla salute. Ecco il nostro questionario per una ricerca "di genere" su maternità e HIV

LILA, Nadir e un gruppo di studio della SIGO, la società italiana Ostetricia e Ginecologia, stanno proponendo un questionario volto ad esplorare il tema della maternità e dell'allattamento nelle donne con HIV.  Grazie alle terapie ART e ai protocolli di diagnosi e trattamento, nei paesi a welfare avanzato come l'Italia, i rischi di trasmissione verticale del virus si sono drasticamente ridotti, fino a precipitare a livelli prossimi allo zero. Tuttavia, il vissuto delle donne con HIV che scelgono di diventare madri resta poco conosciuto e poco esplorato, nonostante la cura degli aspetti emotivi, culturali, sociali sia fondamentale per una maternità serena e condsapevole. Il questionario che proponiamo punta, dunque, ad incoraggiare una ricerca “di genere”, rivolta cioè allo specifico femminile. L'intento è quello di supportare le donne con HIV nei propri percorsi di autodeterminazione su aspetti così importanti e delicati della propria vita. Ci vuoi aiutare?

Trovi qui tutte le informazioni.  

La campagna Lila sulla TasP

È la prima campagna italiana dedicata al tema della TasP (treatment as prevention) e aderisce alla più ampia campagna internazionale “U=U, Undetectable=Untrasmittable”, ossia “Non rilevabile = Non trasmissibile”. L'obiettivo è diffondere una recente quanto straordinaria acquisizione scientifica:le persone con HIV che seguono regolarmente le terapie e che abbiano stabilmente conseguito una carica virale non rilevabile, non trasmettono il virus. Scopri di più

tel

Se hai dei dubbi chiamaci. Ponici le domande che l’Aids ti pone
La Lila è presente sul territorio con le sue sedi locali. Se hai bisogno di informazioni, ascolto e orientamento ai servizi qui trovi giorno per giorno, i numeri Lila che puoi chiamare, nel rispetto dell'anonimato. 
frecciaLila Helpline

banner lilanews notizie