JUST LILA: fare il test Hiv non è mai stato così facile!

JUSTLILA qArriva Just LILA il nuovo servizio della LILA che, tramite una semplice richiesta online, recapiterà a domicilio, gratuitamente e nella massima discrezione, un auto-test per l’HIV. Chi lo vorrà potrà anche usufruire del nostro aiuto a distanza: sempre su prenotazione, lo staff della LILA potrà seguire le persone che lo vorranno durante l’esecuzione del test, offrire tutte le informazioni e il supporto di cui hanno bisogno e, in caso di esito reattivo, indicare a quali servizi pubblici sia possibile rivolgersi per il test di conferma e per l’eventuale accesso alle terapie antiretrovirali.

Neuropatie e HIV: per contrastarle è importante l’esercizio fisico. Conferme da un nuovo studio

 

attività fisica scarpeUn programma di esercizi fisici che preveda un progressivo allenamento dei muscoli delle gambe può migliorare notevolmente i sintomi dovuti alla neuropatia periferica che affligge, spesso, le persone con HIV.

Arriva Healthy Peers!

logo hero homeIl sesso, il piacere, la libertà di sperimentare e di scegliere come vivere la propria sessualità mettendo al centro il diritto alla salute e al proprio benessere sessuale: è il principio che ispira “Healty Peers” l’iniziativa nata dalla collaborazione tra Arcigay, LILA e Conigli Bianchi e che ora sbarca ufficialmente online con il sito interattivo  www.healthypeers.it.

Guerra in Ucraina. A rischio la vita e la salute di milioni di persone. Allarme ART per le PLWHIV. Le agenzie ONU: garantire assistenza sanitaria a civili e profughi.

No war 640x427Ad oltre un mese dall’inizio della guerra russa all’Ucraina, si moltiplicano le preoccupazioni delle agenzie internazionali, della società civile e delle organizzazioni umanitarie per l’impatto di questa catastrofe sulla vita e sulla salute delle persone intrappolate nelle aree di guerra e dei profughi. Le persone in fuga, all’interno e all’esterno dell’Ucraina, sono ormai oltre dieci milioni, quasi un quarto di tutta la popolazione del paese.

HIV, COVID e fake news. Non si usi lo spauracchio AIDS per avallare tesi anti-scientifiche.

aloneviolaL’HIV e l’AIDS rappresentano da oltre quarant’ anni un cruciale problema di salute pubblica ma, anche, una cartina al tornasole delle inquietudini di un’intera civiltà, delle sue paure, dei pregiudizi e dei tabù che riguardano, sesso, affettività, relazioni sociali; nel corso di questi decenni l’HIV ha interrogato la coscienza collettiva, il campo dei diritti e delle discriminazioni, ci ha costretti a fare i conti con un fenomeno di stigmatizzazione sociale dal sentore medioevale.

HIV, Vaccini e Covid: intervista al Dott Norberto Ceserani

Il Dr. Norberto Ceserani è medico infettivologo, lavora attualmente presso il servizio di Cure Palliative della ASST di Lodi ed è il referente scientifico della LILA, ruolo che svolge a titolo puramente volontario. Storico punto di riferimento della nostra associazione, Norberto Cesarani presta la sua opera gratuita anche nella formazione dei volontari e degli operatori LILA e fornisce supporto alle nostre attività di counselling e prevenzione. In questa intervista parliamo di COVID , Vaccini e HIV ma anche dello stato della ricerca sui vaccini anti HIV, terapeutici e preventivi , nonché sulla possibile evoluzione di cure e trattamenti per le PLWHIV.Vaccini riceca

Stop a tutte le forme di violenza di genere: manifesto per una politica dell'UE sulla violenza di genere inclusiva e globale per tutti e tutte.

Most at risk least protected 3In occasione dell’8 marzo, giornata internazionale della donna, 134 organizzazioni e reti della società civile, e tra queste la LILA, chiedono all'Unione Europea l'adozione di un approccio inclusivo contro la violenza di genere, che promuova protezione, benessere e sicurezza per chi è più a rischio, senza discriminazioni. Lo fanno con un manifesto comune: “Manifesto #UsToo Stop all forms of gender-based violence. A manifesto for an inclusive and comprehensive EU gender-based violence policy for all”, volto anche a orientare i contenuti di una proposta di legge annunciata dalle istituzioni europee per il contrasto alla violenza contro le donne e alla violenza domestica. Il network accoglie con favore l’impegno della Commissione Europea e dell’Europarlamento esortandolo ad adottare un approccio femminista inclusivo e intersezionale, ossia che tenga conto delle connessioni di ciascuna con altre categorie sociali come l’etnia o le condizioni economiche. Particolare supporto deve essere previsto, dunque, per le persone più esposte alla violenza di genere come le donne vittime di razzismo, quelle con disabilità, le lavoratrici del sesso, le immigrate con status giuridici precari, quelle in condizioni economiche svantaggiate nonché tutte le persone che possano essere discriminate in base al genere o all’orientamento sessuale, comprese le persone transgender e non binarie. All’Unione Europea si chiede, pertanto, di impegnarsi per un pacchetto ambizioso e completo di misure legali, politiche e finanziarie che garantiscano i diritti delle vittime e implementino misure di contrasto alla violenza di genere che non si basino solo sull’aumento della repressione. “Esortiamo i decisori dell'Unione Europea –si legge nell’appello- a impegnarsi per un pacchetto ambizioso e completo di misure legali, politiche e finanziarie per affrontare la violenza di genere e per garantire i diritti delle vittime”.

Vai al testo del Manifesto

Una variante più virulenta dell’HIV rilevata in Olanda. UNAIDS: “Nessun allarme, le terapie funzionano ma serve incrementarne l’accesso”.

RicercaScoperta da un gruppo di scienziati dell’Università di Oxforduna nuova variante più aggressiva e trasmissibile del virus HIV, denominata VB (sottotipo virulento B), che circola, soprattutto in Olanda, dal almeno una trentina d’anni. Lo studio, pubblicato su Science lo scorso 3 febbraio  A highly virulent variant of HIV-1 circulating in the Netherlands”, chiarisce subito che si tratta di una scoperta che non deve suscitare allarme

Appello OMS sul Covid: “Non concediamo al virus un altro giro di corsa. Right2 cure: "Vaccini per tutti”. Speranze dal Cobervax senza brevetto.

Covid 19La corsa del Corononavirus sembra rallentare in Europa occidentale ma in altre parti del mondo prosegue. Nella penultima settimana di gennaio nel mondo sono stati segnalati cento casi ogni tre secondi e un decesso ogni dodici, pari a oltre 50mila morti in soli sette giorni.

Al via la sperimentazione sull’uomo del vaccino mRNA anti-HIV. L’annuncio di IAVI e Moderna

VaccinoTra speranze e cautela parte la sperimentazione sull’uomo del primo vaccino anti-HIV basato sulla tecnologia dell’RNA messaggero, la stessa dei vaccini anti-COVID. Ad annunciarla lo sponsor dello studio: IAVI, International AIDS Vaccine Initiative e l’azienda USA di biotecnologie Moderna che hanno collaborato alla messa a punto del vaccino sperimentale.

HIV/AIDS, Ricerca scientifica, Startup e Innovazione

RicercaTrascorse poche settimane dal 1° dicembre 2021, giornata di lotta globale contro HIV/AIDS, a quarant’anni dalla comparsa del virus, è bene ricordare che, se nei paesi più industrializzati dell’Occidente, il trattamento con farmaci antiretrovirali garantisce oggi alle persone con HIV aspettative e qualità di vita che sono paragonabili con quelle del resto delle persone, questo non è vero per tutto il resto del mondo.