Global Aids Update 2021 - Affrontare le disuguaglianze

Data: luglio 2021
Autore: UNAIDS 2021

L’aggiornamento globale lanciato da UNAIDS evidenzia che le PLWHIV sono più vulnerabili al COVID-19, e che l'aumento delle disuguaglianze impedisce loro di accedere ai vaccini COVID-19 e ai servizi HIV.

Studi condotti dall'Inghilterra e dal Sudafrica evidenziano che il rischio di morire di COVID-19 tra loro era il doppio rispetto a quello della popolazione generale. Nell'Africa sub-sahariana, che ospita due terzi (67%) delle PLWHIV meno del 3% aveva ricevuto almeno una dose di vaccino COVID-19 entro luglio 2021. Allo stesso tempo, i servizi di prevenzione e trattamento dell'HIV eludono le popolazioni chiave, così come i bambini e gli adolescenti.

I vaccini COVID-19 potrebbero salvare milioni di vite nei paesi in via di sviluppo, ma vengono tenuti fuori dalla loro portata mentre i paesi ricchi e le aziende si aggrappano strettamente al monopolio della produzione a scopo di lucro. Ciò sta avendo un forte impatto in tutto il mondo, poiché i sistemi sanitari nei paesi in via di sviluppo vengono sopraffatti, come in Uganda, dove anche gli stadi di calcio vengono trasformati in ospedali di fortuna.

"I paesi ricchi in Europa si preparano a godersi l'estate poiché le loro popolazioni hanno un facile accesso ai vaccini COVID-19, mentre il Sud globale è in crisi", ha dichiarato Winnie Byanyima, direttore esecutivo di UNAIDS. "Non siamo riusciti a trarre insegnamento dall'HIV, quando a milioni di persone sono stati negati medicinali salvavita e sono morti a causa delle disuguaglianze nell'accesso. Questo è assolutamente inaccettabile.

Il nuovo rapporto UNAIDS mostra come COVID-19 e altre restrizioni abbiano gravemente interrotto l’attività di screening dell'HIV: in molti paesi ciò ha portato a un forte calo di nuove diagnosi, dei servizi di assistenza e dell’inizio del trattamento. A KwaZulu-Natal, in Sudafrica, ad esempio, si è avuto un calo del 48% dei test HIV dopo che è stato imposto il primo lockdown nell'aprile 2020. Ciò si è verificato quando 28000 operatori sanitari sono stati spostati allo screening su COVID-19.

Il rapporto, Confronto delle disuguaglianze, mostra che nel 2020 gli 1,5 milioni di nuove infezioni da HIV erano prevalentemente tra le popolazioni chiave e i loro partner sessuali. Le persone che utilizzano sostanze iniettive, donne transgender, prostitute e uomini gay e MSM, e i partner sessuali di queste popolazioni chiave, hanno rappresentato il 65% delle infezioni da HIV a livello globale nel 2020. Le popolazioni chiave erano il 93% delle nuove infezioni da HIV al di fuori dell'Africa subsahariana e il 35% all'interno dell'Africa subsahariana, tuttavia, rimangono emarginate e in gran parte fuori dalla portata dei servizi nella maggior parte dei paesi.
Il rapporto mostra che molti dei 19 paesi che hanno raggiunto gli obiettivi 90/90/90 entro il 2020 sono stati leader nel fornire servizi differenziati, basati su strutture di accompagnamento a guida delle comunità di riferimento. La maggior parte di queste ha incluso le popolazioni chiave come punto centrale nelle offerte dei propri servizi. In Estonia, ad esempio, l'espansione dei servizi di riduzione del danno è stata seguita da una riduzione del 61% a livello nazionale delle infezioni da HIV e da una riduzione del 97% delle nuove infezioni da HIV tra le persone che iniettano droghe.

Circa 27,4 milioni dei 37,7 milioni di PLWHIV erano in cura nel 2020. Tuttavia, le lacune nella fornitura di servizi sono enormi sia per i bambini che per gli adulti. Nel 2020, circa 800 mila bambini con HIV di età compresa tra 0 e 14 anni non erano in terapia. La copertura terapeutica sempre nel 2020 è stata del 74% per gli adulti, ma solo del 54% per i bambini. Molti non vengono testati per l'HIV alla nascita e rimangono a lungo ignari del loro stato.

Affrontare le disuguaglianze dimostra anche che le donne e le ragazze nell'Africa subsahariana continuano ad essere a più alto rischio di infezione da HIV a causa delle disuguaglianze e violenze di genere. Nell'Africa subsahariana, le ragazze adolescenti e le giovani donne (dai 15 ai 24 anni) rappresentano il 25 % di tutte le nuove infezioni da HIV, nonostante rappresentino solo il 10 % della popolazione.
Anche la povertà e la mancanza di scolarizzazione sono barriere formidabili ai servizi sanitari e per l'HIV. La relazione mostra come i servizi di pianificazione familiare per le donne e la circoncisione medica volontaria maschile per uomini e ragazzi siano molto meno accessibili per le persone che vivono in povertà. Nel 2020, il numero di circoncisioni mediche volontarie maschili è diminuito di oltre il 30% in 15 paesi prioritari nell'Africa orientale e meridionale.
La povertà è anche un motore della migrazione, che ha dimostrato di avere un forte impatto sull'accesso ai servizi per l'HIV e mette in pericolo vite umane mentre i migranti fuggono da conflitti e povertà nella speranza della salvezza e della sicurezza economica.
"I miliardari stanno navigando nei loro yacht nelle stesse acque del Mediterraneo in cui stanno annegando i migranti", ha detto Winnie Byanyima. "Come possiamo stare a guardare e lasciare che questa sia la "nuova normalità". Dobbiamo affrontare queste orribili disuguaglianze e porre l'accento sul rispetto dei diritti umani fondamentali.
Le disuguaglianze sono il risultato di azioni politiche e programmatiche che dividono anziché includere. Ad esempio, le popolazioni chiave sono emarginate e criminalizzate per le loro identità ed espressioni di genere, l'orientamento sessuale e i mezzi di sussistenza. Una nuova analisi inclusa nella relazione mostra una correlazione positiva tra migliori risultati dell'HIV e l'adozione di leggi che tutelano le persone dalla discriminazione. Uno studio dell'Africa sub-sahariana ha rilevato che la prevalenza dell'HIV tra le prostitute era del 39% nei paesi che criminalizzarono il lavoro sessuale, rispetto al 12% nei paesi in cui il lavoro sessuale era parzialmente legalizzato.
"Siamo a 40 anni dalla lotta contro l'HIV. Sia i successi che i fallimenti ci hanno insegnato che non possiamo prepararci o sconfiggere una pandemia se non abbattiamo le disuguaglianze, promuoviamo approcci basati sui diritti e lavoriamo insieme alle comunità per raggiungere tutti coloro che ne hanno bisogno", ha affermato Byanyima.

Allegati:
Accedi a questo URL (https://www.lila.it/images/doc/mondo/UNAIDS2021-GlobalAIDSupdate.pdf)UNAIDS - Global Aids Update 2021[21.111 Mb]