Ending overly broad criminalisation of HiV non-disclosure, exposure and transmission: critical scientific, medical and legal considerations

Titolo: Porre fine all'estesa criminalizzazione per chi non rivela il proprio stato sierologico di persona affetta da Hiv, dell'esposizione dei propri partner al virus e della sua trasmissione: considerazioni scientifiche, medico legali e giuridiche.
Data: Maggio 2013
Autore: UNAIDS - Joint United Nations Programme on HIV/AIDS

Documento che segue il Policy brief on criminalisation of HIV transmission, stilato nel 2008 dall'UNAIDS e dall'UNDP - United Nations Development Programme. Linee guida per governi, politici, forze dell'ordine e società civile, incluse le persone che vivono con l'HIV, con l'obiettivo di limitare e porre fine alla troppo ampia applicazione delle leggi penali in materia di HIV.

Unaids attraverso queste Linee guida sollecita gli Stati a concentrare i propri sforzi nel favorire interventi di salute pubblica di provata efficacia, e ad affrontare il problema della prevenzione e del trattamento dell'HIV basandosi sul rispetto dei diritti umani, limitando qualsiasi applicazione del diritto penale ai casi veramente deprecabili ove sia necessario ottenere giustizia. " I Paesi dovrebbero rafforzare i programmi sull'HIV consentendo alle persone sia di sapere come proteggersi dall'HIV, sia per evitare di trasmetterlo aiutandole ad accedere ai servizi ed alle agevolazioni di cui hanno bisogno per il trattamento, l'assistenza e il sostegno"
Il documento si basa sulla testimonianza di più di 700 persone più colpite da HIV, del parere di esperti giuridici ed esperti scientifici provenienti da 140 paesi. Il gruppo di esperti ha formulato le seguenti raccomandazioni:

  • I paesi non devono emanare leggi che criminalizzano esplicitamente la trasmissione dell'HIV, l'esposizione all'HIV o la mancata rivelazione della sieropositività. Se esistono tali leggi, sono controproducenti e devono essere abrogate.
  • I giudici non devono perseguire le persone che non rivelano la propria sieropositività all' HIV, dove non vi sia stata nessuna trasmissione dell'HIV intenzionale. Invocare leggi penali in caso attività sessuale consensuale tra adulti è sproporzionata e controproducente per migliorare la salute pubblica.
  • I paesi devono modificare o abrogare qualsiasi legge che esplicitamente criminalizza la trasmissione del virus HIV ( anche materno/fetale). Mentre il processo di revisione e di abrogazione è in corso, i governi dovrebbero applicare moratorie sull'applicazione di tali leggi.
  • I paesi possono legittimamente perseguire la trasmissione dell' HIV solo se dolosa ed intenzionale, tramite il diritto penale generale, ma tali procedimenti dovrebbero essere perseguiti solo sulla base di prove certe del dolo e della intenzionalità.

La guida fornisce inoltre informazioni aggiornate su come si aumenta o si riduce il rischio di trasmissione dell'Hiv sulla base delle ultime evidenze scientifiche, che tengono in considerazione la TasP ( Treatment as Prevention) e la circoncisione, e le stime del rischio corso relative al comportamento sessuale.

Allegati:
Accedi a questo URL (/images/doc/mondo/20130530_Guidance_Ending_Criminalisation.pdf)Ending Criminalisation[1.573 KB]