logo lila 30Sono passati trent'anni da quando, il 21 gennaio 1987, in piena emergenza AIDS, un gruppo di persone afferenti a diverse realtà sociali, culturali e politiche fondarono la Lega Italiana per la Lotta contro l'AIDS: persone con HIV e non, medici, infermieri, attivisti LGBT, operatori e operatrici dei servizi per le dipendenze, comunità di accoglienza, uomini e donne dei sindacati, avvocati, psicologi, sociologi, operatori dei media.

Da allora, instancabilmente, nelle numerose sedi nate sul territorio nazionale, ogni giorno la LILA si è impegnata per promuovere e tutelare il diritto alla salute, affermare principi e relazioni di solidarietà, lottare contro ogni forma di violazione dei diritti umani, civili e di cittadinanza delle persone con HIV, proporre politiche culturali, sociali, preventive e sanitarie capaci di suscitare risposte concrete per il superamento delle diverse problematiche inerenti l’infezione da HIV.
Oggi, le donne e gli uomini della LILA continuano a rispondere alle domande della popolazione generale, a orientare e sostenere le persone con HIV nel loro percorso di vita, a stimolare le istituzioni. Un impegno quotidiano che continua  nonostante la questione HIV sembri dimenticata dalla politica e dai media italiani, nonostante  non ci siano più fondi dedicati al contrasto del virus nè tantomeno a campagne di prevenzione, nonostante siano colpevolmente disattesi gli allert delle agenzie internazionali che invitano i governi ad intensificare gli sforzi per contrastare l’infezione che rappresenta un problema di sanità pubblica anche nei paesi industrializzati.
Ai fondatori e alle fondatrici, ai volontari e alle volontarie, alle persone con hiv che hanno scelto la LILA come luogo del loro attivismo, a chi purtroppo non c’è più e a chi ci sostiene nel presente va il nostro grazie per avere, nel corso di questi trent’anni, dato vita a battaglie, promosso sperimentazioni e ricerche innovative per dare risposte e sostegno alle persone con HIV, difeso il diritto alla salute di tutte e tutti.

L'Aids purtroppo non è stato ancora sconfitto ma, grazie all'impegno di tanti come noi, alle nostre conquiste, è possibile farlo: la lotta al virus è ad un bivio e noi continueremo a batterci perché si scelga la strada giusta: "Get on the Fast-Track to end AIDS by 2030..."