Europa della SaluteLe infezioni virali non conoscono confini. In Europa l'epidemia di HIV è ancora molto attiva e il virus dell'epatite C sta dilagando, è tempo, perciò, che l'Unione Europea, con gli Stati membri e gli altri paesi dell’area, assumano un ruolo di primo piano nell'organizzare una risposta coordinata ed efficace in tutta l'area coinvolgendo le parti interessate: la società civile, i servizi di assistenza sanitaria e i responsabili politici. 

Per questo 47 organizzazioni europee, riunite attorno alla piattaforma di Coalition PLUS, e tra queste la LILA, chiedono ai futuri membri del Parlamento europeo di costruire un'Europa della salute, senza AIDS né epatite entro il 2030.

La situazione europea in relazione alle principali epidemie rimane molto preoccupante: nel 2017 le persone a cui è stato diagnosticato l’HIV sono state 160.000 e tra queste il 53% era in stadio avanzato di infezionePer l’Europa centrale e orientale si tratta della pandemia più attiva. Questa parte dell'Europa registra l'80% di tutte le nuove infezioni da HIV del continente. Ancor più sottovalutata è l'epatite C il cui virus attacca le cellule del fegato uccidendo nella regione 112.500 persone ogni anno nonostante esista un trattamento efficace, in grado di curarla in via definitiva.

In un appello all'impegno per un'Europa della salute, pubblicato in diverse lingue (francese, inglese, portoghese, rumeno, italiano, greco) e firmato da 47 Organizzazioni Non Governative e della Società Civile chiediamo ai futuri membri del Parlamento europeo e a tutte le istituzioni dell'Unione di:

  • Aumentare gli aiuti Ue allo sviluppo attraverso un maggiore contributo al Fondo globale per combattere l'HIV, la tubercolosi e la malaria.
  • Istituire una tassa sulle transazioni finanziarie assegnandone gli introiti alla spesa sanitaria.
  • Attuare una politica migratoria rispettosa delle persone, comprese le appropriate necessità di assistenza sanitaria.
  • Rendere la politica UE sulle droghe rispettosa della salute e dei diritti dei consumatori.
  • Garantire una tariffazione trasparente ed equa dei farmaci in modo che tutti i cittadini europei possano accedere ai medicinali senza discriminazioni dovute alla scarsa disponibilità economica propria o del loro sistema sanitario nazionale.

Ecco i nomi e le dichiarazioni dei candidati e della candidate al Parlamento Europeo che sostengono il nostro appello: 

  • Eliana Baldo
    Europa Verde - Circ.ne IV - Italia Meridionale
    "Ringrazio la LILA. per aver posto alla mia attenzione il manifesto "A Europe for Health - Per un'Europa della salute #EUR4health" che sottoscrivo visto che ne condivido lo spirito e le richieste specifiche. Mi occupo di tutela dei consumatori ed in particolare di tutelare la salute nei conflitti ambientali, a partire dal caso Ilva Taranto, e per me la giustizia ambientale va di pari passo con quella sociale.
    Nel vostro manifesto è forte il richiamo ai diritti di tutti, cittadini italiani o "migranti", parola quest'ultima abusata e ambigua che non tiene conto della normativa internazionale e di quella costituzionale. Le vostre richieste sono nel solco dell'art. 32 della costituzione che dichiara la salute diritto fondamentale dell'individuo, senza precisarne la nazionalità, e interesse della collettività, altro aspetto del manifesto LILA."

  • Pietro Bartolo
    Partito Democratico - Circ.ne III - Italia Centrale e Circ.ne V - Italia Insulare

  • Roberto Battiston
    Partito Democratico - Circ.ne II - Italia Nord-Orientale

  • Emma Bonino
    +Europa - Circ.ne III -Italia Centrale
    "Da anni mi batto in questo senso e già negli anni '90, insieme a Marco Taradash, candidato nella circoscrizione centro, avevamo promosso un'iniziativa di disobbedienza civile a New York durante la quale avevamo ditribuito siringhe sterili ai tossicodipendenti newyorkesi. Da qui nacque il processo formale, che si svolse il 15 aprile del 1990: il giudice accolse la richiesta di proscioglimento avanzata dall'accusa, chiudendo il processo in pochi minuti e impedendo quindi un dibattimento che avrebbe dato voce alle testimonianze dei numerosi esperti, provenienti dalle città europee e americane, dove da anni le autorità promuovono e finanziano programmi sanitari d'informazione e di distribuzione gratuita di siringhe e preservativi per il contenimento dell'epidemia. Concluso il processo, fummo nuovamente arrestati perché continuavamo a distribuire siringhe sterili, ma il Procuratore della città di New York decise di non procedere nei nostri confronti. New York contava allora 250.000 eroinomani, dei quali circa il 70% aveva contratto il virus dell'Aids attraverso l'uso promiscuo delle siringhe o, secondariamente, per via sessuale".  

  • Antonio Caputo
    Europa Verde - Circ.ne I - Italia Nord-Occidentale
    "Sono candidato in Italia della lista Europa verde che fa capo all'European green party. Da tempo sono impegnato con azioni di tutela sul tema della salute come Ombudsman regionale e Presidente del coordinamento italiano dei difensori civici aderente alla rete del Mediatore europeo.
    Sottoscrivo l' appello e mi impegno a promuovere le azioni e provvedimenti dell'appello. E' ora di agire!"

  • Fabio Massimo Castaldo
    Movimento 5 Stelle - Circ.ne III - Italia Centrale 
    "L’Europa che vogliamo non accetterà l’imposizione di misure di austerity che limitino gli investimenti per la salute e la sanità: lotteremo per promuovere una cultura della prevenzione e della cooperazione, per un’agenda europea che punti all’innalzamento dei diritti sociali in tutto il continente. Solo così possiamo riavvicinare i cittadini al progetto europeo”.

  • Stefano Ciccone
    La Sinistra - Circ.ne III - Italia Centrale
    "Senza il rispetto dei fondamentali diritti umani non è possibile nessuna efficace politica di sanità pubblica. Lo stigma, i pregiudizi, le legislazioni punitive e repressive non solo creano sofferenza e disperazione nelle persone che ne sono colpite ma mettono anche a rischio il diritto alla salute di tutti e tutte. Aderisco al vostro appello per “un’Europa della salute”, convinto della necessità di garantire a chiunque viva o transiti in Europa, migranti e rifugiati inclusi, un pieno accesso ai farmaci per Hiv ed epatiti e il diritto a un trattamento dignitoso. È inoltre prioritario contrastare ulteriori tagli ai welfare nazionali e anzi bisogna implementarne le risorse. Altrettanto occorre fare con i programmi europei rivolti alla salute e con i fondi per la cooperazione Internazionale".

  • Eleonora Forenza
    La Sinistra - Circ.ne IV - Italia Meridionale

  • Nicola Fratoianni
    La Sinistra - Circ.ne III - Italia Centrale
    "Sottoscrivo volentieri questo appello perché di fatto è parte del programma de La Sinistra. Se vogliamo un’Europa dei diritti e che difenda un welfare sociale europeo per tutte e tutti, il diritto alla salute non può essere considerato uno spreco da tagliare , come è stato fatto finora.
    Sono milioni le persone nel Vecchio Continente che non hanno piu accesso alle cure, e sono la parte piu fragile e vulnerabile della società.
    In più le politiche securitarie di molti governi sul tema dell’immigrazione e delle droghe stanno costringendo al degrado sociale e umano uomini e donne.
    Una deriva inaccettabile che deve essere fermata."

  • Matteo Iannitti
    La Sinistra - Circ.ne V - Italia Insulare
    "Aderisco convintamente all'appello della LILA e mi impegno a sostenere le proposte nel Parlamento Europeo, come mi sono sempre impegnato a sostenerle nel territorio. Faccio parte del movimento antirazzista siciliano e del movimento LGBTQI. Le questioni legate alla salute sono sempre state centrali nel nostro agire politico, soprattutto in una terra, la Sicilia, dove sta drammaticamente riducendosi l'aspettativa di vita proprio a causa dell'esosità della prevenzione, della scarsità di informazione, dell'impossibilità di accedere a un sistema sanitario efficiente. Abbiamo negli anni fatto pressione sulle Istituzioni perché a partire dai luoghi di studio, di lavoro e di svago vi fosse attenzione alla prevenzione e affinché non si criminalizzasse l'uso delle droghe. Solo uscendo dal ghetto nel quale si vogliono relegare comportamenti assurdamente illegali o considerati ottusamente "immorali" si potrà finalmente fare informazione, prevenzione e contribuire a sconfiggere le epidemie che nel silenzio affliggono le persone in Europa. Noi ci saremo in questa importante campagna, come ci siamo sempre stati, al di là della data delle elezioni del 26 maggio."

  • Pino Lacicerchia
    Europa Verde - Circ.ne IV - Italia Meridionale
    "Nel sottoscrivere tale impegno evidenzio la necessità di promuovere la specializzazione del personale e delle strutture sanitarie e la realizzazione di una grande campagna di prevenzione a partire dalle scuole medie superiori e tra le giovani generazioni saranno due impegni specifici."

  • Camilla Laureti
    Partito Democratico  - Circ.ne III - Italia Centrale

  • Silvja Manzi
    +EUROPA - tutte le circoscrizioni

  • Francesco Mingiardi
    +EUROPA - Circ.ne III - Italia Centrale
    "Condivido i contenuti dell’appello della piattaforma europea di Coalition Plus.
    Come radicale sono convinto che la criminalizzazione delle minoranze, le leggi repressive verso il consumo di sostanze e l'assenza di prevenzione e dibattito renda la lotta all’HIV e alle altre infezioni sessuali ancora più ardua.
    In questo campo la ricerca scientifica ha fatto enormi progressi in pochi anni, e oggi abbiamo a disposizione terapie e strumenti di prevenzione combinata, oltre al condom, (tra cui la PrEP e la TasP) e abbiamo i Test Rapidi.
    Sappiamo che è fondamentale iniziare precocemente la terapia, come sappiamo che a certe condizioni è anche possibile impedire la trasmissione del virus.
    Sono informazioni che avrebbero un impatto enorme sulla vita delle persone con HIV, e che sarebbero fondamentali anche per la prevenzione e la salute pubblica, per intervenire finalmente sull'odioso stigma sociale e sulle discriminazioni che subiscono le persone con HIV.
    Eppure in Italia pochissime persone conoscono queste informazioni, a causa dell'irragionevole e colpevole assenza di un'informazione istituzionale.
    Non solo, ma nonostante ce lo dicano raccomandazioni internazionali (UNAIDS) e Linee Guida europee (ECDC), anche le applicazioni concrete sono limitate, come è avvenuto per il Piano Nazionale AIDS, approvato nel 2017 e mai attuato.
    Per questo ritengo necessario e importante un lavoro concreto di contrasto all'HIV e alle infezioni sessuali a livello europeo, unito a una sensibilizzazione dei cittadini sui temi della salute e delle libertà sessuali."

  • Silvia Parodi
    Europa Verde - Circ.ne I - Italia Nord-Occidentale
    "Aderisco all'appello, nella convinzione che il servizio pubblico vada difeso e rafforzato, soprattutto nel campo della salute, diritto umano fondamentale, così come la prevenzione vada ugualmente potenziata e finanziata adeguatamente, a livello mondiale, combattendo malattie che colpiscono soprattutto le persone e i paesi più poveri.
    Le risorse si devono trovare tassando tutte le cose che ci danneggiano (inquinamento, speculazione finanziaria, combustibili fossili, materiali non sostenibili, colossi del web, ecc..)".

  • Giuliano Pisapia
    Partito Democratico - Circ.ne I - Italia Nord-Occidentale
    "Sottoscrivo e condivido l’appello ‘per un’Europa della salute’. Ricordo le tante sfide che insieme abbiamo affrontato per diritti umani, contrasto a HIV e alle epatiti."

  • Paola Testori
    +EUROPA - Circ.ne I - Italia Nord-Occidentale
    "Sostengo il Manifesto sul Contrasto all’HIV e alle epatiti  e continuerò ad impegnarmi  per garantire un accesso rapido ed equo alle cure e le necessarie tutele giuridiche, economiche e sociali dei pazienti e dei loro familiari. Dobbiamo costruire una vera Europa della Salute per sconfiggere queste malattie".

  • Patrizia Toia
    Partito Democratico - Circ.ne I - Italia Nord-Occidentale
    "Vi ringrazio per aver portato alla mia attenzione il vostro manifesto, che sottoscrivo. Come sapete, seguo da sempre il tema della salute e sono al fianco delle realtà scientifiche e sociali che promuovono la guarigione e la piena partecipazione dei pazienti nella società.Confermo, dunque,  il mio impegno a vostro sostegno".

  • Daniele Viotti
    Partito Democratico - Circ.ne I - Italia Nord-Occidentale
    "Aderisco al vostro appello "A Europe for Health - Per un'Europa della salute #EUR4health" con convinzione. Come co-presiedente dell'intergruppo per i diritti lgbti del Parlamento europeo, mi sono battuto in questi cinque anni per tenere alta l’attenzione sull’informazione e sulla prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili.
    In occasione della giornata mondiale contro l’Aids del 1°dicembre, ha lanciato ogni anno, fin dal 2014, campagne di sensibilizzazione sulla prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, convinto che la salute di tutte e tutti debba essere una priorità assoluta per l’UE.
    Oltre alle campagne di prevenzione, ho presentato diverse interrogazioni alla Commissione europea sia sulla prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, sia sul diritto di accesso ai farmaci per tutte e tutti.
    In particolare, ho presentato un’interrogazione sull’insufficienza della copertura vaccinale anti-HPV in Europa, chiedendo cosa intenda fare la Commissione per estendere la gratuità del vaccino anti-HPV ai soggetti - maschi e femmine - fino al 26esimo anno d’età, riducendo l’incidenza delle gravi patologie derivanti da tale virus.
    Ho depositato un’interrogazione scritta sulla drastica riduzione dei finanziamenti dei progetti di prevenzione HIV/AIDS a seguito della segnalazione di Anlaids Lombardia. Ha chiesto alla Commissione europea quali azioni intenda intraprendere per ripristinare un finanziamento adeguato, considerata la fondamentale importanza dell'informazione e della prevenzione.
    Infine, considerata la mancata produzione di farmaci ormonali in Italia e la conseguente impossibilità di usufruirne per gli uomini transessuali (con un conseguente grave rischio a livello fisico e psicologico per gli stessi), ho depositato un'interrogazione alla Commissione europea per chiedere cosa intenda fare per garantire il diritto di accesso ai farmaci per gli uomini transessuali in Italia.
    Spero di continuare il lavoro iniziato 5 anni fa."

  • Silvia Zamboni
    Europa Verde - Circ.ne II - Italia Orientale

 

Per saperne di più visita questo sito