politiche sulle droghe
Parola chiave:
Totale: 25 risultati.
Tag: politiche sulle droghe
Articolo
Piano Nazionale di interventi contro HIV e AIDS (PNAIDS)
(Prevenzione)

Data: 31 ottobre 2017Autore: Ministero della Salute

Il PNAIDS/HIV è stato presentato dalla ministra della Salute Beatrice Lorenzin nel novembre del 2016 e recepito dalla Conferenza Stato-Regioni nella seduta dello scorso 26 ottobre 2017. Si tratta del primo piano nazionale AIDS di cui si dota l’Italia e la sua elaborazione ha visto un ampio coinvolgimento delle associazioni e della società civile. Previsti interventi innovativi e in linea con gli obiettivi indicati dalle agenzie Internazionali (ONU/UNAIDS/OMS). Al momento non è stato tuttavia dotato di specifiche risorse finanziarie che ne rendano possibile una piena ed efficace attuazione.

Leggi tutto...

Riduzione del Danno e Limitazione dei Rischi nei LEA. Verso un processo di innovazione nelle politiche italiane dei servizi
(Droghe)

Data: marzo 2019Autore: CNCA, Forum Droghe, Antigone, CGIL, FP-CGIL, LILA, la Società della Ragione, ITARDD, Comunità di S. Benedetto, Gruppo Abele, LegacoopSociali

Documento della società civile e del Terzo settore impegnate nelle politiche sulle droghe, nei servizi sulle dipendenze e sui diritti umani e civili, chiedere alle istituzioni di avviare tempestivamente un processo di attuazione e implementazione dei LEA della RdD.

Leggi tutto...

L’impatto globale delle politiche di Riduzione del Danno sull’epidemia da Hiv in Svizzera: studio di coorte, modello matematico e analisi filogenetica
(Droghe)

Titolo: The Cumulative Impact of Harm Reduction on the Swiss HIV Epidemic: Cohort Study, Mathematical Model, and Phylogenetic AnalysisData: aprile 2018Autore: Division of Infectious Diseases and Hospital Epidemiology, University Hospital Zurich

15.903 nuove infezioni da HIV scongiurate tra i consumatori di droghe per via endovenosa, 5.446 decessi per AIDS in meno e evitato un picco di prevalenza del virus del 50.7%: questi i risultati di uno studio condotto dalle Università svizzere al fine di valutare l’impatto complessivo delle misure di Riduzione del Danno sulla popolazione.

Leggi tutto...

L’impatto negativo del controllo delle droghe sulla salute pubblica: la crisi globale del dolore evitabile
(Droghe)

Data: Report 2015Autore: Global Commission on Drug Policy

Il 92% della scorta globale di morfina è consumata solo dal 17% della popolazione mondiale, con un consumo concentrato soprattutto nel nord del mondo mentre il 75% della popolazione non ha accesso ad alcun farmaco che possa alleviare il dolore. Le ragioni di tutto ciò hanno ben poco a che vedere con questioni di costi o carenza di scorte, bensì riguardano principalmente la posizione proibizionista e repressiva del mondo sul tema delle droghe. Il rapporto della Global Commission on Drug Policy esplora l’attuale crisi relativa al problema dell’accesso alle medicine essenziali per il controllo del dolore, indica 10 raccomandazioni e sollecita politiche concrete da parte degli Stati Membri e delle agenzie delle Nazioni Unite volte a trovare soluzioni per migliorare tali condizioni.

Leggi tutto...

L’impatto negativo della guerra alla droga sulla salute pubblica: la pandemia nascosta dell’epatite C
(Droghe)

Data: report 2013Autore: Global Commission on Drug Policy

L’epidemia di Epatite C provocata dalla cosiddetta “guerra alle droghe” sta dilagando tra i consumatori di droghe per via iniettiva in tutto il mondo, eppure continua ad essere ampiamente ignorata. L’accesso ai servizi preventivi è ancora troppo basso, le diagnosi e le terapie troppo costosi e inaccessibili per la maggioranza delle persone che ne necessitano. Il presente rapporto offre un quadro d’insieme sul virus dell’Epatite C, e allo stesso tempo indaga come la “War on Drugs” e le politiche repressive sulle droghe stanno fallendo nella riduzione della trasmissione. La diffusione dell’epatite C è uno dei danni causati dalle misure punitive e poliziesche sulle droghe, tuttavia, la stessa si può sia prevenire sia curare, se in primo piano c’è la salute pubblica.

Leggi tutto...

La War on Drugs e Hiv/Aids. In che modo la criminalizzazione dell’uso di droghe alimenta la pandemia globale
(Droghe)

Data: report 2012Autore: Global Commission on Drug Policy

La “guerra alle droghe” globale sta portando la pandemia dell’HIV/AIDS tra i consumatori di droghe, sebbene la ricerca abbia rivelato che l’applicazione di leggi e politiche punitive fa sì che gli stessi si allontanino dal servizio sanitario e si riversino in ambienti nascosti in cui il rischio di contrarre l’HIV diventa sensibilmente più elevato. Una valutazione degli effetti ha dimostrato che molte organizzazioni nazionali e internazionali incaricate di ridurre il problema della droga hanno in realtà contribuito a un peggioramento della salute e della sicurezza delle comunità. E’ arrivato il momento di una leadership/guida.

Leggi tutto...

Taking control: Pathways to Drug Policies that work
(Droghe)

Assumere il controllo: percorsi efficaci di politiche sulle drogheData: report 2014Autore: Global Commission on Drug policyCon il suo rapporto del 2014 la Global Commission è la prima ad avanzare e a estendere a livello globale il dibattito sulle misure di controllo delle droghe e le soluzioni alternative. Anticipando la prossima Sessione Speciale dell’Assemblea delle Nazioni Unite sulle droghe (UNGASS) del 2016, la relazione fornisce percorsi precisi per gli Stati Membri. Le cinque raccomandazioni per la costruzione di politiche sulle droghe più efficaci sono: mettere in primo piano la salute e la sicurezza delle comunità, assicurare un giusto accesso alle medicine essenziali, porre fine alla criminalizzazione delle persone per l’ uso o il possesso di droghe, promuovere alternative alla carcerazione per persone di basso livello nel mercato delle droghe, inclusi i coltivatori e incoraggiare misure nuove come la regolazione dei mercati delle droghe, cominciando dalla cannabis, dalla foglia di coca e da alcune nuove sostanze psicotrope, ma senza limitarsi ad esse. Mai prima d’ora così tanti ex-leader mondiali avevano parlato apertamente in favore della regolazione di droghe attualmente illegali.

Leggi tutto...

Verso una riforma delle politiche sulle droghe: un nuovo approccio alla depenalizzazione
(Droghe)

Data: Report 2016Autore: Global Commission on Drug PolicyIl rapporto 2016 partendo dai modelli attuali di parziale depenalizzazione che hanno permesso di realizzare politiche sulle droghe più efficaci e risultati positivi, con una forte enfasi su giustizia, dignità e diritti umani, esorta la fine di tutte le sanzioni, sia civili che penali, per i consumatori. Con una descrizione dettagliata delle conseguenze negative e dannose delle politiche punitive sulle droghe e il bisogno di riesaminarle, il report richiede l’attuazione di misure alternative alle condanne per tutti quegli attori non violenti e di basso livello nel mercato della droga, e di prendere in considerazione la regolamentazione del mercato come naturale passo successivo.

Leggi tutto...

The World Drug Perception Problem
(Droghe)

Il problema della percezione mondiale sul tema della droga: contrastare i pregiudizi sui consumatori di drogheData: report 2017Autore: Global Commission on Drug PolicyIl rapporto 2017 della Global Commission on Drug Policy “The World Drug Perception Problem” affronta la delicata questione della percezione sociale del fenomeno droga, tuttora fortemente condizionata dai pregiudizi e dalla stigmatizzazione nei confronti dei consumatori. E poiché il linguaggio veicola, e al tempo stesso indirizza l’orientamento sociale, una parte del rapporto è dedicata a come si parla e si scrive della droga: dando il suo contributo alla campagna internazionale per un “miglior linguaggio” (better language), sull’esempio della battaglia vincente a suo tempo condotta da altri gruppi stigmatizzati, come gay, lesbiche e transgender. Il report intende analizzare le più comuni percezioni e paure, metterle a confronto con argomentazioni fruibili sulle droghe e sulle persone che ne fanno uso, e fornire raccomandazioni sui cambiamenti che devono essere messi in atto per sostenere delle riforme per politiche più efficaci sulla droga

Leggi tutto...

VI Libro Bianco sulla legge sulle droghe.
(Droghe)

Data: giugno 2015Autori: La società della ragione, Forum Droghe, Antigone e CNCA, con l'adesione di CGIL, Comunità di San Benedetto al Porto, Gruppo Abele, Itaca, ITARDD, LegaCoopSociali, LILA, Magistratura Democratica e Unione delle Camere Penali Italiane.

Il VI° rapporto sulla legge sulla droga in Italia denuncia che molte persone condannate in base alla legge 49/2006 - annullata l'anno scorso dalla Consulta - sono ancora in carcere, mentre chi assume sostanze accede di rado alle misure alternative e i servizi per la riduzione del danno sono solo 185 in tutto il territorio nazionale. Il libro bianco lancia due proposte di legge che come LILA sosteniamo: la riforma della 309/90 con rafforzamento di azioni di prevenzione dell'Hiv e una nuova regolamentazione di produzione, vendita e acquisto di canapa.

Leggi tutto...

Verso l'Ungass 2016: le nuove tendenze internazionali delle politiche sulle droghe e l'azione della società civile
(Droghe)

Titolo: Towards Ungass 2016: new trends in drug policies and drug legislation in Italy and EuropeData: 13 e 14 febbraio 2015Autore: Lila

La prossima sessione speciale dell'assemblea generale Onu sulle sostanze stupefacenti prevede una riconsiderazione delle convenzioni internazionali che hanno giustificato la war on drugs a scapito della “riduzione del danno”. Un seminario organizzato da Forum Droghe ha fatto il punto sulle azioni da intraprendere, come organizzazioni della società civile, in vista dell'evento.

Leggi tutto...

V Libro Bianco sulla legge Fini-Giovanardi
(Droghe)

Data: giugno 2014Autore: La società della ragione Onlus, Forum Droghe, Antigone, CNCA, con l'adesione di CGIL, Comunità di San Benedetto al Porto, Gruppo Abele, Itaca, ITARDD, LILA Onlus, Magistratura Democratica e Unione delle Camere Penali ItalianeCon la sentenza della Corte Costituzionale del 12 febbraio 2014, la legge Fini-Giovanardi è stata abolita e si è tornati alla legge del 1990, con le modifiche introdotte nel 1993 dal referendum popolare e quelle del decreto Lorenzin.Il V Libro Bianco offre una valutazione finale sui risultati dell'inasprimento repressivo introdotto nel 2006 dall'allora governo Berlusconi. Una valutazione preziosa per pianificare una riforma organica della legislazione antidroga.

Leggi tutto...

La Riduzione del Danno in Carcere - Lo stato dell’Arte nel Mondo
(Droghe)

Data: 15 giugno 2013Autore: Lila - Alessandra Cerioli

Esperienze di policies di riduzione del danno nel mondo.Le persone detenute hanno diritto a ricevere strumenti di prevenzione pari a quelli disponibili al di fuori del carcere, ha dichiarato l'OMS nel 1993. I comportamenti a rischio di HIV in carcere sono principalmente il sesso consensuale e non consensuale e l'uso di droga per via iniettiva. La prevalenza di HIV e HCV è molto più alta nella comunità ristretta rispetto a quella esterna. Nessun paese è riuscito a risolvere il problema del consumo di stupefacenti in carcere, ma sono ancora pochi i paesi che lo ammettono e cercano di risolverlo. L' Italia è terribilmente in ritardo: serve urgentemente fornire accesso a preservativi, a siringhe sterili, al metadone in mantenimento, al test e al trattamento per HIV e HCV su base volontaria durante la custodia preventiva e la detenzione, come richiesto dal Consiglio d'Europa nel 1998.

Slide della relazione presentata a Nocera Terinese in occasione della Formazione Nazionale LILA "Riduzione del Danno alle Sbarre", dedicata alle iniziative di Harm Reduction in Carcere.

Leggi tutto...

Linee Guida internazionali ed europee per gli interventi Harm Reduction nei Sistemi Penitenziari
(Droghe)

Data: 15 giugno 2013Autore: Lella Cosmaro - LILA Milano Onlus- Steering Committee Member AIDS Action Europe - Co-chair European Union HIV/AIDS Civil Society Forum La Riduzione del Danno (Harm Reduction) è una strategia sanitaria e sociale che ha lo scopo di ridurre i danni correlati all'uso di sostanze stupefacenti. Supportata dalle più autorevoli agenzie internazionali e dalla Commissione Europea, questa strategia si è dimostrata efficace anche in carcere: i documenti ufficiali che la supportano sono riportati nella relazione.

Slide della relazione presentata a Nocera Terinese in occasione della Formazione Nazionale LILA "Riduzione del Danno alle Sbarre", dedicata alle iniziative di Harm Reduction in Carcere.

Leggi tutto...

Stato di attuazione delle raccomandazione UE sulla prevenzione e la riduzione del danno
(Droghe)

Data: maggio 2007Autore: Commissione Europea

Documento che relaziona sull'attuazione della raccomandazione del Consiglio del 18 giugno 2003 sulla prevenzione e la riduzione del danno per la salute causato da tossicodipendenza.Il documento aggiorna sullo stato di avanzamento dei progetti, legati al fenomeno droga, dell’UE con attenzione specifica per prevenzione e riduzione dei rischi.L’aggiornamento è reso obbligatorio dalla raccomandazione Catania del 2003 ed è la fase di avvicinamento agli Stati Generali antidroga di Vienna previsto per il prossimo anno.

Leggi tutto...

Relazione sull'evoluzione del fenomeno droga in Europa
(Droghe)

Data: giugno 2008Autore: Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze

Relazione annuale che l'osservatorio europeo ha diffuso in cui si analizza l'evoluzione del fenomeno droga in Europa.

Leggi tutto...

Relazione annuale al Parlamento sullo stato delle tossicodipendenze in Italia
(Droghe)

Data: Relazioni AnnualiAutore: Dipartimento Politiche Antidroga

Relazioni del Dipartimento Politiche Antidroga che ogni anno vengono lette in Parlamento sullo stato delle tossicodipendenze in Italia.

Leggi tutto...

Piano d'azione dell'UE in materia di lotta contro la droga (2009-2012)
(Droghe)

Data: 2008Autore: Commissione Europea

La strategia di lotta alla droga individuata dalla Commissione europea si concentra sui due aspetti principali : la riduzione della domanda di stupefacenti e la riduzione dell'offerta, e affronta i tre temi trasversali del coordinamento, della cooperazione internazionale e delle attività di informazione, ricerca e valutazione. Per la riduzione della domanda sono proposti servizi di prevenzione, trattamento e riduzione del danno (con particolare attenzione ai gruppi vulnerabili) e prevenzione al policonsumo.

Leggi tutto...

Dichiarazione di Vienna
(Droghe)

Data: luglio 2010Autore: International Aids Society e altri esperti

La dichiarazione ufficiale della XVIII Conferenza mondiale sull’Aids (AIDS2010) è un documento scientifico che promuove l’approccio scientifico basato sull’evidenza anche nelle politiche in materia di droga. Redatta da esperti internazionali è stata promossa da alcuni dei principali organismi scientifici a livello mondiale contro l’HIV e sulle politiche sulla droga.

Leggi tutto...

War on drugs
(Droghe)

Data: giugno 2011Autore: Global Commission on Drug Policy

Il Report della Global Commission on Drug Policy chiede la fine della War on Drugs. La LILA sostiene le istanze del Report e chiede per l'Italia: diritti umani al primo posto, politiche innovative di riduzione del danno comprese le stanze per l'autosomministrazione controllata non solo di eroina, riduzione del danno anche in carcere, revisione della legge Fini-Giovanardi.

Leggi tutto...