accesso ai farmaci
Parola chiave:
Totale: 87 risultati.
Tag: accesso ai farmaci
Articolo
Brevetti: la presidenza olandese affronterà il tema dell’accesso ai farmaci
(Trattamenti)

Data: giugno 2015Titolo: Beat the AIDS epidemic - Press for fair prices and better access to medicines.Autori: Artsen Zonder Grenzen e Aids Fonds.

La LILA ha aderito alla petizione "Beat the Aids Epidemic" promossa dalle ong Aids Fonds e MSF Olanda che è stata accolta dal parlamento del paese che guiderà l'Ue nel primo semestre del 2016: chiediamo un'azione concreta sui costi e la disponibilità delle cure contro l'Hiv, "correggendo" l'attuale sistema di proprietà intellettuale sui medicinali.

Leggi tutto...

Big pharma, i colossi farmaceutici che strozzano il Sud del mondo
(Trattamenti)

Data: 27 novembre 2005Autore: Mauro Guarinieri (Global Network People With Live HIV AIDS)

Articolo pubblicato nella settimana che precede il 1 dicembre 2005 nell' inserto "Queer" supplemento culturale di Liberazione. Tratta di accesso alle cure e brevetti sugli antivirali e Sud del mondo.

Leggi tutto...

Epatite C: L'appello alla Gilead per un equo accesso al Sofosbuvir
(Trattamenti)

Data: 28 gennaio 2015Titolo: Equitable Access to HCV DrugsAutori: International Treatment Preparedness Coalition, Treatment Action Group, Médecins Sans Frontières, Initiative for Medicines, Access & Knowledge, Global Health Justice Partnership - Yale, Health Gap, Médecins du Monde

LILA ha aderito alla petizione lanciata dalle organizzazioni europee Itpc e Tag per chiedere alla Gilead minori limitazioni nella produzione del rivoluzionario farmaco antivirale da parte di aziende farmaceutiche produttrici di farmaci generici.

Leggi tutto...

Commercialising human security - the HIV/AIDS issue in the age of neoliberal economic crisis
(Diritti)

Data: 2013Autore: Luca Stefenelli - LILA Trentino

La tesi di laurea magistrale intitolata "Commercialising human security - the HIV/AIDS issue in the age of neoliberal economic crisis" vuole essere uno studio sui pericoli derivanti dalle politiche economiche di stampo neoliberista - le stesse responsabili dello scatenamento della crisi economica nella quale tuttora ci troviamo imbrigliati, in Italia come all'estero - per quanto riguarda il raggiungimento di adeguati standard di sicurezza e dignità umana. Nello specifico, la minaccia alla tutela e al diritto alla salute, vengono qui evidenziati nel campo del HIV/AIDS, dove le politiche globali di prevenzione e trattamento stanno subendo drastici e inquietanti attacchi per colpa dei piani di austerity e di tagli alla spesa pubblica.

The thesis entitled "Commercialising human security - the HIV/AIDS issue in the age of neoliberal economic crisis" wants to be a study on the threats coming from neoliberal economic plans - the same responsible for the outbreak of the economic crisis - with regard to the achievement of valid standards of human security and dignity. More specifically, threats to protection and right to healthcare, have been here highlighted in the field of HIV/AIDS, where global policies of prevention, care and treatment are suffering from austerity plans and cuts in public spending.

Leggi tutto...

Risoluzione Assemblea Generale ONU - Political Declaration on Hiv/Aids: Intensifying our Efforts to Eliminate Hiv/Aids
(Diritti)

Data: 10 giugno 2011Autore: 65a Assemblea Generale ONUAl Vertice delle Nazioni Unite di New York sulle prossime strategie di lotta contro Hiv/Aids, l'ONU ha promesso che entro il 2015 ci saranno 15 milioni di persone in terapia, a fronte dei 6,6 milioni di persone che attualmente usufruiscono della terapia e dei 9 milioni che invece ne rimangono esclusi. Inoltre: dimezzamento della trasmissione di Hiv per via sessuale e tra le persone che si inettano droghe, nessun bambino nasca con l'Hiv nei prossimi 4 anni.

Leggi tutto...

Carcere tra passato e presente
(Diritti)

Data: 15 giugno 2013Autore: Massimo Oldrini - Presidente LILA Milano Onlus - Responsabile Area Riduzione del Danno LILA Nazionale - Coordinamento LILA Nazionale Dall'emergenza Aids dei primi anni '80 ad oggi, il tema HIV e Carcere è sempre stato presente all'interno della Federazione LILA. Presenti all'interno delle carceri con i progetti, attivi sul piano politico istituzionale.Azioni a contrasto di proposte di legge e circolari per obbligatorietà del test in carcere e altre battaglie. Una sintesi del nostro impegno 25ennale sul tema.

Slide della relazione presentata a Nocera Terinese in occasione della Formazione Nazionale LILA "Riduzione del Danno alle Sbarre", dedicata alle iniziative di Harm Reduction in Carcere.

Leggi tutto...

Il carcere oggi - dal Ministero di Grazia e Giustizia a quello della Salute
(Diritti)

Data: 15 giugno 2013Autore: Giancarlo Condoleo - Coordinamento Nazionale LILA Onlus - Presidente di LILA Lazio dal 2000 al 2004. Partecipa alla Consulta per i problemi penitenziari del Comune di Roma

La Riforma, che ha avuto concepimento nel 1999 ad opera del Ministro Bindi, prevede il passaggio della competenza sulla salute dei detenuti dalla Sanità Penitenziaria, gestita dal Ministero della Giustizia, al Servizio Sanitario Nazionale - Regioni, Aziende Sanitarie e Autonomie locali - per garantire a tutti i detenuti e le detenute il diritto alla salute e alla cura nella stessa misura è qualità di cui usufruiscono tutte le persone libere.Che impatto ha avuto sulle persone con HIV detenute?

Slide della relazione presentata a Nocera Terinese in occasione della Formazione Nazionale LILA "Riduzione del Danno alle Sbarre", dedicata alle iniziative di Harm Reduction in Carcere.

Leggi tutto...

The Gap Report
(Hiv e dati)

Data: 2016Autore: UNAIDS

Il recente "The Gap Report", presentato in occasione della conferenza AIDS 2014 - 20th International AIDS Conference, tenutasi a Melbourne, in Australia, dal 20 al 25 luglio 2014, è stato redatto per rispondere alla domanda: come ridurre la distanza tra le popolazioni ad alto reddito e quelle che sono state lasciate indietro?

L'obiettivo del Gap Report è di fornire non solo i più accurati dati disponibili, ma anche di dare informazioni ed analisi circa le popolazioni dei Paesi a basso reddito.

Leggi tutto...

The Global Fund - Results Report 2019
(Nel mondo)

Data: 2019Autore: THE GLOBAL FUND

Il Global Fund continua ad avere un enorme impatto nella lotta contro HIV, Tubercolosi e malaria, avendo salvato la vita a 32 milioni di persone dal 2002 ad oggi. Tuttavia, il mondo non è ancora sulla strada giusta per realizzare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) relativi alla salute, che prevedono la sconfitta delle tre epidemie entro il 2030. Il report dei risultati pubblicato nel 2019 mostra i progressi più importanti in alcune delle grandi sfide nella lotta contro HIV, Tb e malaria, ma al contempo mette in evidenza nuove minacce.

Leggi tutto...

Fondo Globale: 27 milioni di vite salvate, report 2018
(Nel mondo)

Data: 2018Autore: THE GLOBAL FUND

Il Fondo globale per la lotta all’Aids, tubercolosi e malaria ha pubblicato il nuovo rapporto che dimostra che 27 milioni di vite sono state salvate grazie ai progetti e alle azioni messi in campo con il suo partenariato.I risultati raggiunti nei paesi in cui investe il Fondo nel 2018 sono:

17,5 milioni di persone hanno ricevuto la terapia antiretrovirale per l’Hiv 5 milioni di persone testate e trattate per la tubercolosi 197 milioni di zanzariere distribuite per prevenire la malaria.

Leggi tutto...

FAST-TRACK: Mettere fine all’epidemia di AIDS entro il 2030
(Nel mondo)

Data: 2014Autore: UNAIDS

Il report pubblicato da UNAIDS nel 2014, in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS, lanciava per la prima volta la campagna per una strategia Fast-Track, ovvero un piano che mettesse in atto azioni mirate e più veloci per centrare l’obiettivo della fine dell’epidemia di AIDS entro il 2030. Per raggiungere tale ambizioso scopo, dopo tre decenni dell’epidemia più grave a memoria d’uomo, i paesi devono necessariamente utilizzare gli strumenti più efficaci ad oggi disponibili, riconoscere la propria responsabilità nei risultati e far si che nessuno rimanga indietro.

Leggi tutto...

UNAIDS 2018 - Undetectable=Untrasmittable U=U - Salute Pubblica e soppressione della carica virale
(Nel mondo)

Data: luglio 2018Autore: UNAIDS

AZIONI CHIAVE PROGRAMMATICHE

Aumentare le risposte comprensive, che includono il test, l’accesso a terapie di qualità e il mantenimento in cura. Incrementare gli sforzi affinché tutte le persone con HIV possano disporre di servizi del test e del trattamento accessibili, facilmente raggiungibili e liberi dallo stigma, incluso l’accesso al test per la misurazione della carica virale. Combattere lo stigma, la discriminazione e la criminalizzazione ingiusta che viola i diritti umani e ostacola l’accesso delle persone con HIV ai servizi di prevenzione, trattamento e assistenza. Far crescere la consapevolezza e diffondere la conoscenza del concetto di Non rilevabile = Non trasmissibile.

Leggi tutto...

Report UNAIDS WAD 2018 - “Vivi la vita positivamente - Conosci il tuo stato"
(Nel mondo)

Data: edizione novembre 2018Autore: UNAIDS

“Fare il test per l’HIV rappresenta il punto d’accesso fondamentale al trattamento dell’HIV, alla prevenzione e ai servizi di supporto e assistenza.”Michel Sibidé, Executive director di UNAIDS

Per il primo dicembre, la Giornata mondiale contro l’AIDS, i riflettori sono puntati sull’accesso al test. E per un buon motivo: sono 37 milioni le persone nel mondo che vivono con l’Hiv, il numero più alto di sempre, eppure un quarto di loro non ne è consapevole.Conoscere il proprio stato sierologico ha molti vantaggi: è un punto d’accesso fondamentale al trattamento, alla prevenzione e ai servizi di supporto e di assistenza per le persone con HIV. Le persone che risultano positive al test dovrebbero accedere immediatamente alle terapie ART in grado di preservare la loro salute e, una volta raggiunta la soppressione della carica virale, di prevenire la trasmissione del virus.Conoscere il proprio stato permette anche una maggiore consapevolezza nella scelta degli strumenti di prevenzione, come i servizi per prevenire la trasmissione del virus ai bambini, i condom e i femidom, i servizi di riduzione del danno per le persone che fanno uso di droghe per via iniettiva, la circoncisione maschile medica volontaria e le profilassi pre e post-esposizione.

Leggi tutto...

Nuove linee guida OMS per le diagnosi tardive + gestione diagnostico-clinica delle persone con hiv con infezione acuta e inizio immediato della terapia antiretrovirale
(Nel mondo)

Data: Luglio 2017Autore: OMS

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha pubblicato una nuova serie di linee guida per cure e trattamento degli individui con infezione avanzata da HIV e per fornire una guida sulla tempistica di inizio della terapia antiretrovirale per tutte le persone con Hiv.

Leggi tutto...

XV International AIDS Conference Bangkok 11-16 luglio 2004
(Nel mondo)

Data: 11-16 luglio 2004Autore: Lila - Alessandra Cerioli

Sintesi della XV International AIDS Conference svoltasi a Bangkok il 11-16 luglio 2004 e degli eventi, organizzati dalla comunità delle persone sieropositive (PWA) e dalle associazioni presenti alla conferenza.

Leggi tutto...

IAS 2015 - Primo Bollettino
(IAS 2015)

LILA Onlus - Lega Italiana per la Lotta contro l'Aids, in collaborazione con NAM, è lieta di fornirti la copertura scientifica ufficiale on-line della VIII Conferenza su Patogenesi, Trattamento e Prevenzione dell'HIV organizzata dall'International AIDS Society (IAS 2015), che si terrà a Vancouver, in Canada, dal 19 all 22 luglio 2015.

Leggi tutto...

Conferenza ministeriale "La lotta all’HIV/AIDS dieci anni dopo la Dichiarazione di Dublino" - Presentazioni
(In Europa)

Titolo: Fight against HIV/AIDS ten years after the Dublin Declaration: Leaving no One Behind – Ending AIDS in EuropeData: 27 e 28 novembre 2014Autore: vari

"Fighting against HIV/AIDS ten years after the Dublin Declaration: Leaving No One Behind–Ending AIDS in Europe" è il titolo della conferenza ministeriale organizzata congiuntamente dal Ministero della Salute italiano, la Commissione Europea, l'Uffico Regionale per l'Europa dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, il Centro Europeo per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie (ECDC) ed il Programma Congiunto delle Nazioni Unite su Hiv/AIDS (UNAIDS), insieme alle delegazioni dei Paesi membri dell'Unione Europea e degli stati confinanti, tenutasi a Roma il 27 e 28 novembre 2014.

Leggi tutto...

La lotta all’HIV/AIDS dieci anni dopo la Dichiarazione di Dublino - Conferenza Ministeriale
(In Europa)

Titolo: Fight against HIV/AIDS ten years after the Dublin Declaration: Leaving no One Behind – Ending AIDS in EuropeData: 27 e 28 novembre 2014Autore: NAM - Traduzione italiana a cura di LILA Onlus

LILA Onlus in collaborazione con NAM, è lieta di fornirti la copertura ufficiale on-line della Conferenza Ministeriale tenutasi a Roma il 27 e 28 novembre 2014, in occasione del semestre di Presidenza italiana del Consiglio dell'Unione Europea. La Conferenza Ministeriale è organizzata congiuntamente dal Ministero della Salute italiano, la Commissione Europea, l'Uffico Regionale per l'Europa dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, il Centro Europeo per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie (ECDC) ed il Programma Congiunto delle Nazioni Unite su Hiv/AIDS (UNAIDS), insieme alle delegazioni dei Paesi membri dell'Unione Europea e degli stati confinanti.

Leggi tutto...

Comunicato stampa ufficiale dell’European AIDS Treatment Group (EATG) all’International Liver Congress 2014 49th Meeting dell’European Association for the Study of the Liver
(In Europa)

Titolo: Le persone che vivono con l'epatite C necessitano urgentemente di programmi per l'accesso allargato e l'uso compassionevole del nuovo farmaco Sovaldi prodotto da GileadData: aprile 2014Autore: European AIDS Treatment Group (EATG)L'European Medicines Agency (EMA) ha autorizzato Sovaldi per il mercato europeo a partire da gennaio 2014. L'accesso rimane comunque limitato: solo in pochi Paesi lo si puó prescrivere ai pazienti a causa dell'eccessivo prezzo imposto; inoltre Sovaldi deve essere somministrato in combinazione con altri farmaci, incrementando cosí il costo del trattamento.Negli Stati Uniti, dove Sovaldi costa $1000 al giorno, 12 o 24 settimane di trattamenti costano dai $84,000 ai $168,000. Nel Regno Unito, Sovaldi costa dai £35,000 ai £70,000; in Francia costa dai €54000 ai €108,000. Nella maggior parte dei paesi della zona Euro Sovaldi viene venduto dai €50,000 ai €60 000 per 12 settimane; ed il costo raddoppia per 24 settimane. Ma gli esperti valutano che il costo di produzione di Sovaldi varia dai €50 ai €99 per un ciclo di 12-settimane, per un costo di €2 per pillola. Gilead deve garantire l'accesso a Sovaldi attraverso l'attuazione di programmi di uso compassionevole.

Leggi tutto...

Call to EU Ministers of Health and CEOs of Abbvie, BMS, Gilead, Janssen and Merck/MSD regarding Universal Access to Curative Hepatitis C Treatment in the EU and Beyond
(In Europa)

Data: 28 luglio 2014Autore: European Liver Patients Association (ELPA), World Hepatitis Alliance (WHA), International Network of People who Use Drugs (INPUD), Correlation Network, Eurasian Harm Reduction Network (EHRN), European Harm Reduction Network (EHRN), International Harm Reduction Association (IHRA), Civil Society Forum (CSF), European Aids Treatment Group (EATG), Aids Action Europe (AAE)

Appello dei network europei tra cui quelli che tutelano i diritti delle persone che vivono con HIV, HCV e dei consumatori di droghe, rivolto a tutti i Ministeri della Salute Europei e dei paesi vicini e a tutte le aziende farmaceutiche, affinché lavorino per trovare accordi urgenti e condivisi per consentire l'accesso ai farmaci innovativi per l'epatite C a tutte le persone che ne hanno bisogno a partire dalle più gravi. All'industria si chiede di proporre dei prezzi accessibili e sostenibili. In Europa le persone da trattare sono tante, la preoccupazione diffusa è che se non lo faranno garantire l'accesso a questi farmaci sarà impossibile. Anche per questo la società civile chiede di essere coinvolta nella negoziazione.Ai governi di usare qualsiasi mezzo per ridurre i costi e garantirne l'accesso, dal "Joint Procurement Agreement" che potrebbe essere applicato anche ai farmaci per l'epatite C, alle licenze obbligatorie (compulsory licences ) che sono previste dalle norme internazionali dell'Organizzazione Mondiale del Commercio ( WTO) e che permettono ai Paesi colpiti da gravi emergenze sanitarie di produrre localmente farmaci equivalenti o importarli, anche se ancora coperti da brevetti.

Leggi tutto...