attivismo
Parola chiave:
Totale: 11 risultati.
Tag: attivismo
Articolo
Droghe. Il governo batta un colpo!
(Lila dice)

Titolo: Droghe. Il governo batta un colpo!Data: 3 febbraio 2017Autori: A Buon Diritto, Antigone, Associazione Luca Coscioni, CGIL, CILD, CNCA, Comunità di San Benedetto al Porto, Forum Droghe, FP CGIL, ITARDD, La Società della Ragione, LegacoopSociali, LILA, Possibile, Radicali Italiani

Leggi tutto...

Epatite C: serve subito un fondo di 700 milioni per i prossimi 10 anni
(Lila dice)

Titolo: Epatite C serve subito un fondo di 700 milioni per i prossimi 10 anniData: 5 novembre 2014Autore: EPAC Onlus, LILA Onlus, NADIR Onlus, PLUS Onlus, Alleanza contro l'Epatite (l'azione è stata realizzata col supporto economico di EPAC).Un appello pubblicato a pagamento sui maggiori quotidiani per fare pressione e costringere il governo a esprimersi e stanziare fondi adeguati a garantire l'accesso ai nuovi farmaci per curare l' epatite C.

Leggi tutto...

Lettera Aperta al Premier Renzi sull'Epatite C
(Lila dice)

Titolo: Epatite C: non servono secchiate d'acqua, ma soldi per i farmaci salva-vita.Data: settembre 2014Autore: Ivan Gardini (EPAC), Alessandra Cerioli (LILA Onlus), Filippo von Schlosser (Nadir) e Sandro Mattioli (Plus).

Lettera aperta al Presidente del Consiglio Renzi firmata dalle associazioni EPAC, LILA Onlus, Nadir e Plus, per chiedere sia un'urgente presa di posizione al fine di salvare almeno 15/20.000 pazienti a rischio vita e poter curare altri 3/400.000 cittadini affetti da epatite C, mettendo a disposizione le risorse per acquistare la quantità di terapie salva-vita necessarie, sia il successivo stanziamento dei fondi necessari per un piano pluriennale per la cura di tutti i pazienti con epatite C.

Leggi tutto...

Carta dei Diritti delle Persone che usano sostanze
(Lila dice)

Data: Marzo 2014, in occasione del Convegno "Sulle Orme di Don Gallo"Autore: Rete ITARDD - La Lila fa parte della rete ITARDD e ha contribuito alla stesura del documentoSu iniziativa della rete ITARDD persone impegnate a vari livelli nelle istituzioni e nella società civile,hanno stilato questa carta dei diritti per affermare la libertà di scelta e l'uguaglianza fra tutti gli esseri umani indipendentemente dall'assunzione di qualunque sostanza e rivendicare il diritto ad essere coinvolte in tutte le decisione politiche e non, che le riguardano. La carta si apre utilizzando uno slogan "Niente su di noi senza di noi" utilizzato dalle persone con Hiv all'inizio dell'epidemia nel 1983 riunite a Denver, Colorado durante la stesura dei "Principi di Denver".

Leggi tutto...

Lettera Aperta al Commissario Ricciardi dell'Istituto Superiore di Sanità
(Lila dice)

Titolo: La Lotta contro l'Aids in Italia ha bisogno di un Istituto Superiore di Sanità moderno ed efficiente. La priorità è conoscere la nostra epidemia.Data: 6 agosto 2014Autore: Arcigay, LILA, Nadir, Plus.

In occasione del riordino dell'Istituto Superiore di Sanità, Lila, Arcigay, Nadir e Plus scrivono una lettera aperta al neo commissario Ricciardi. Il tema sono i dati delle infezioni da Hiv e delle morti per Aids in Italia. I numeri forniti annualmente dal COA, il Centro Operativo Aids del Dipartimento Malattie infettive, per le associazioni non rispecchiano la realtà dell'epidemia Italiana. Al commissario si chiede di intervenire per sanare e modernizzare un dipartimento che ha un ruolo cruciale nella lotta contro l'Aids.

Segue la risposta del Commissario Ricciardi, pubblicata su Repubblica l'8 agosto 2014.

Leggi tutto...

Irregolarità nell’utilizzo dei fondi per la diagnosi di infezione da HIV stanziati per gli “Obiettivi di Piano Sanitario Nazionale 2012”
(Lila dice)

Data: 31 ottobre 2013Autore: LILA Onlus e CittadinanzAttiva.

Sedici le regioni che avevano la possibilità di presentare progetti sulla diagnosi di infezione da HIV (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto). A fine settembre 14 avevano presentato gli atti deliberativi al Ministero, mentre risultavano assenti Calabria e Campania.Di queste 14 delibere approvate, LILA e Cittadinanzattiva hanno potuto reperire i progetti esecutivi , con non poche difficoltà, in 10 regioni (Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana, Umbria e Veneto) e su queste hanno effettuato l'analisi.

Leggi tutto...

Hiv e media. Breve guida per gli operatori dell'informazione
(Lila dice)

Data: 1 dicembre 2012Autore: Lila

La LILA offre questo strumento di lavoro agli operatori dei media, il cui ruolo è fondamentale nel veicolare le giuste informazioni su Hiv e Aids. Non un insieme di regole, ma una “cassetta degli attrezzi” utile ad affrontare un argomento che attraversa ogni aspetto del vivere civile: sanitario, economico, sociale, che solo in Italia interessa la vita di decine di migliaia di persone. Nella lotta contro Hiv/Aids i giornalisti sono compagni di strada, in tutto il mondo.

Leggi tutto...

Patrizia Perone
(Autori)

Patrizia Perone è nata e vive a Roma. Nel 1997 partecipa ad un corso di formazione per volontari organizzato dalla Lila Lazio, dove da subito si attiva come volontaria specializzandosi nel counseling ed entrando a far parte dell'equipe del servizio di counseling telefonico e vis a vis della sede. Negli anni seguenti partecipa a diverse iniziative di sensibilizzazione e prevenzione nei luoghi di aggregazione giovanili; è operatrice di Unità di Strada per interventi di prevenzione e riduzione del danno in favore di persone che si prostituiscono; è tutor e relatrice in corsi di formazione rivolti a volontari e operatori sociali.Nel 2002 si laurea in Psicologia (indirizzo clinico e di comunità) presso l'Università degli Studi "La Sapienza" con una tesi di ricerca sull'immaginario dei giovani nei confronti dell'Hiv/Aids. Nel 2003 diventa responsabile dell'area formazione della Lila Lazio ed entra a far parte del Consiglio Direttivo, dedicando molto tempo alla progettazione sociale e al coordinamento dei progetti in atto. Dal 2006 al 2011 è presidente della Lila Lazio.La collaborazione con la Lila Nazionale si intensifica nel corso degli anni e riguarda in particolare progetti di ricerca psicosociale, prevenzione e campagne di comunicazione. Tra le ultime attività, il coordinamento della campagna su Hiv, diritti e mondo del lavoro; l'ideazione e la realizzazione di una ricerca su prostituzione e percezione del rischio Hiv; la partecipazione al progetto di ricerca QuestionAids – Indagine su conoscenze e comportamenti in materia di Hiv/Aids; la redazione di materiale informativo inerente alla tematica Hiv/Aids per la distribuzione sul territorio nazionale e sul sito web nazionale.

Lella Cosmaro
(Autori)

Lella Cosmaro è nata e vive a Milano, dove ha iniziato a collaborare con la sede milanese di LILA nel 1993. Precedentemente aveva lavorato per 15 anni per una multinazionale americana nel settore della selezione e formazione delle risorse umane, ma il suo obiettivo era quello di dedicarsi a una professione attraverso cui impegnarsi della difesa dei diritti umani e nel contrasto dello stigma sociale, soprattutto riferiti alle persone con HIV/AIDS. Si è laureata in Discipline della ricerca psicologica e sociale presso l'Università degli Studi di Milano Bicocca.Socia LILA fin dall'inizio della sua collaborazione, è membro del Consiglio Direttivo della Fondazione LILA Milano dal 2002. Negli oltre 20 anni di impegno sulle tematiche HIV/AIDS ha seguito e coordinato molti progetti di prevenzione e preso parte a diversi studi di ricerca psicosociale.Negli ultimi anni ha assunto impegni a livello internazionale per rappresentare LILA in ambito europeo. Dal 2009 è membro italiano dell'EU HIV/AIDS Civil Society Forum, di cui è divenuta co-chair nel 2012 per la durata di un triennio, ed è membro dello Steering Committee del network AIDS Action Europe dal 2011. Dal 2013 fa parte dell'External Advisory Board di EATG European AIDS Treatment Group e, grazie a questi ruoli in ambito europeo, si impegna per essere un "ponte" tra le politiche europee e internazionali e il contesto italiano.

Alessandra Cerioli
(Autori)

Alessandra Cerioli è nata e vive a Bologna, dal 1998 lavora nell'amministrazione del personale di una grande azienda metalmeccanica. Vive con l'Hiv dal 1984. Dal 1997 è socia di Lila Bologna, dal 2002 responsabile dell'area salute della federazione. Dal 2008 al 2015 è stata presidente di Lila Nazionale Onlus. Socia dell'Associazione Alessandro Liberati Network Italiano Cochrane, a livello europeo fa parte dell'European Aids Treatment Group (EATG) e di Aids Action Europe (AAE).Dal 2002 al 2005 ha coordinato l'Italian Community Advisory Board (ICAB), occupandosi delle sperimentazioni cliniche nell’area HIV/AIDS in Italia. Dal 2013 fa parte del Comitato Etico Interaziendale dell’Azienda Ospedaliera- Universitaria di Ferrara, l’Azienda USL di Ferrara, l’Università degli studi di Ferrara, l’Azienda USL di Imola, l’Azienda USL di Bologna, l’IRCCS Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna.Dal 2006 è nella Commissione Nazionale Aids del Ministero della Salute.E' nell’HIV/AIDS Italian Expert Panel delle “Linee Guida Italiane sull’utilizzo dei farmaci antiretrovirali e sulla gestione diagnostico-clinica delle persone con infezione a HIV-1”.

Massimo Oldrini
(Autori)

Massimo Oldrini, nato a Milano nel 1963, è stato eletto presidente nazionale della LILA il 7 marzo 2015 durante l’assemblea nazionale di rinnovo delle cariche sociali, subentrando ad Alessandra Cerioli. Precedentemente è stato presidente della Fondazione LILA Milano dal 1997. Vive con l'HIV dal 1986. Si è avvicinato a LILA Milano nel 1990, prima come cliente, poi come volontario; dal 1994 ne è socio e collaboratore.

Negli anni, grazie alle occasioni formative offerte da LILA, ha avuto l'opportunità di partecipare a formazioni nazionali e internazionali acquisendo competenze e conoscenze prima di carattere psicologico (Scuola di Analisi Transazionale di Milano, Università la Sapienza Roma) poi di tipo tecnico scientifico (PFH, Università della Strada Torino, EATG - European AIDS Treatment Group, Cittadinanza Attiva). Nel corso del tempo ha ricoperto diversi incarichi nella sede milanese, divenendo dapprima responsabile della Helpline, in seguito delle aree Sostegno alla persona e Harm Reduction; è stato a lungo il conduttore di gruppi di auto-aiuto.A livello nazionale, negli anni Novanta ha coordinato l'area Nord di GruPS (Gruppo persone con HIV LILA Nazionale) e dal 2002 ha assunto incarichi nella federazione occupandosi del coordinamento di alcune attività formative e rappresentando LILA nella Consulta AIDS.Dal 2007 è il coordinatore della Consulta delle Associazioni per la lotta contro l'AIDS del Ministero della Salute e componente della Commissione Nazionale AIDS. Dal 2008 è componente del Coordinamento Nazionale LILA e responsabile dell'area Harm Reduction della Federazione.Nel 2012 ha partecipato al corso per Leader Civici sull'Health Tecnology Assessment promosso da Age.Na.S, SITHA e Cittadinanza attiva.