prevenzione
Parola chiave:
Totale: 249 risultati.
Tag: prevenzione
Articolo
LILA Lecce | “La prevenzione è donna” - sensibilizzazione e informazione al femminile
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA LecceFinanziato da: Comune di Lecce, Assessorato alla CulturaPeriodo: marzo 2008Ancora un altro progetto al femminile quello che ha visto protagoniste le donne attiviste della Lila Lecce che il 13 aprile 2012 presso l'Ammirato Culturale House in via di Pettorano 3 a Lecce hanno messo in scena l'incontro “La prevenzione è donna” inserito in Itinerario Rosa 2012 del Comune di Lecce – Assessorato alla Cultura. Un incontro al femminile che ha ripercorso la storia di una donna sieropositiva attraverso un reading, liberamente ispirato al libro “Il risveglio dell'anima” di Mariella Siviglia, una donna che ha scoperto di essere sieropositiva a soli 26 anni, oggi in Aids, e che nel suo libro racconta il suo rapporto con la malattia. Il reading, che ha visto la partecipazione di Angela Albanese alla voce ed Emanuele Coluccia al piano, attraverso la musica ha poi intrecciato altre storie di donne per offrire inconsuete suggestioni e riflessioni. A fare da sfondo, l'installazione fotografica “Hiv/Aids. Lotta in corso. Io ci metto la faccia” con gli scatti a cura dell'Ass. Fotografica Obiettivi. Oltre un centinaio infatti coloro che nel 2011 hanno scelto di metterci la faccia per la Lotta contro l'Aids divenendo testimonial di uno dei cinque slogan, ciascuno dei quali è legato a un'emergenza in materia di hiv/aids.

LILA Lecce | “Quante storie per un preservativo” – campagna di comunicazione sull’uso del preservativo
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA LecceFinanziato da: autofinanziatoPeriodo: 30/11/2004La campagna di comunicazione si è svolta attraverso la produzione di gadget giovanili e di tendenza (bags colorate, penne, quaderni, laccetto porta cellulare, ecc) tutti rigorosamente marchiati “Quante storie per un preservativo”. I gadget sono diventati strumenti attraverso cui lanciare l’uso del preservativo, di fatto strumento indispensabile di prevenzione e lotta contro l’Aids e che pertanto deve essere utilizzato senza tabù. Molto apprezzati dai giovani possono essere distribuiti negli incontri di educazione alla salute. Ancora disponibili possono essere richiesti mandando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

LILA Lecce | “Bikaloro. La scelta consapevole” - Intervento di informazione dei rischi delle M.G.F. rivolto alle donne migranti
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA LecceFinanziato da: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimenti Pari Opportunità Periodo: 2008/2009Il progetto Bikaloro, rivolto ai migranti, soprattutto ai genitori, ha informato sui rischi della pratica delle Mutilazioni Genitali Femminili. La mgf, vietata in Italia grazie alla Legge Consolo (7/2006), porta con sé molti rischi per la salute e la psiche delle bambine e delle ragazze alle quali continua a essere praticata. Ci si é soffermati, anche, sul legame tra mgf e hiv, grazie alla prof.ssa Pia Grassivaro, che ha svolto ricerche soprattutto in Africa, la quale ha evidenziato un rischio di infezioni (anche hiv) laddove le condizioni igienico-sanitarie siano inesistenti. La campagna di comunicazione si è svolta attraverso: campagna affissioni regionali, produzione opuscolo informativo e spot tv (http://www.youtube.com/watch?v=l9SuFdP745U).

LILA Lecce | “Una maglia contro l'Aids” - Giornata di sensibilizzazione e informazione
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA LecceFinanziato da: autofinanziatoPeriodo: novembre 2005Una maglia contro l'aids - Concorso/sfilata per la realizzazione di t-shirt e abiti a tema a cura delle/i giovani alunni/e dell'Istituto Cordella e degli Istituti di Moda della provincia di Lecce. Le maglie sono state esposte, indossate, sfilate in occasione del 1° dicembre 2009 (per vedere le foto http://www.flickr.com/photos/lilalecce/sets/72157623143816578/).I messaggi dipinti/lavorati/stampati sulle maglie sono stati messaggi di prevenzione Hiv e di solidarietà alle persone sieropositive. Le maglie sono state giudicate da una giuria composta da esperti di comunicazione, stylist, prevenzione. Il vincitore è stato premiato con una targa di partecipazione. Tra le iniziative correlate: “Il manifesto e le card”, “Cond-on: accendi la prevenzione e usa il preservativo!”, “La locandina di promozione del test Hiv. Il test per l’Hiv? Più semplice farlo che spiegarlo!”

LILA Lecce | La prevenzione è donna - sensibilizzazione e informazione al femminile
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA LecceFinanziato da: Comune di Lecce, Assessorato alla CulturaPeriodo: aprile 2010-2011Dal 2010, ogni anno nel mese di aprile Lila Lecce dà vita a un incontro di prevenzione al femminile inserito nella rassegna del Comune di Lecce “Itinerario rosa-percorsi al femminile” pensata in occasione alla Festa della Donna. Un appuntamento intimo con la prevenzione: perché la prevenzione stessa è donna e perché le donne “si infettano più degli uomini”, un'occasione perromuovere e far conoscere il profilattico femminile, il Femidom...questo sconosciuto! Un confronto con esperti, donne, attiviste, volontarie della LILA sul tema della prevenzione al femminile focalizzando l'attenzione sulla necessità della prevenzione hiv/aids.

LILA Cagliari | Condom Take Away
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA CagliariFinanziato da: Presidenza della Provincia di CagliariPeriodo: luglio 2011 - agosto 2012progetto destinato ai viaggiatori, per sensibilizzarli sui rischi legati al sesso senza protezione durante i viaggi. Fornisce un opuscolo con informazioni sull’hiv, sulle mst e sull’uso del profilattico. Insieme e’ allegato un profilattico maschile oppure un femidom, a seconda dell’interlocutore/ice. Distribuito nelle agenzie di viaggio (cts viaggi) e negli aeroporti. Oltre che nei banchetti informativi nei locali notturni.

LILA Lazio | HIV? SINTONIZZATI
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA LazioFinanziato da: Comune di RomaPeriodo: 2012Il progetto nasce dalla collaborazione di tutte le associazioni e cooperative che siedono al tavolo del Coordinamento romano HIV ed è rivolto ai ragazzi delle scuole medie inferiori e superiori con l'obiettivo da una parte di informare e formare i giovani sul tema dell'HIV e delle malattie a trasmissione sessuale e dall'altra di poter condividere su tutto il territorio una unica metodologia di lavoro da parte degli organi partecipanti.

LILA Lazio | HIV-AIDS National capacity building and awareness raising activities in Bosnia and Herzegovina - Mobile and host population
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA LazioFinanziato da: Global Fund - UNDPPeriodo: marzo 2012Il progetto ha come obiettivo la costituzione di una collaborazione fra ONG, Istituzioni sanitarie ed esperti dei media per realizzare una campagna informativa per la prevenzione dell’HIV rivolta sia ai migranti in Bosnia che alle popolazioni mobili bosniache che si apprestano ad andare all’estero.Nei giorni 20 e 21 marzo 2012, durante la visita studio dei partecipanti bosniaci, la LILA Lazio ha organizzato due incontri:1. incontro formativo e divulgativo sulla storia e le metodologie di intervento dell’Associazione, con un focus particolare su “HIV e migranti”;2. incontro formativo sulla comunicazione, con un focus particolare sulle campagne di prevenzione.

LILA Lazio | Servizi di sostegno e attività di prevenzione del virus Hiv a favore della popolazione etero-omo-bi-transessuale
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA LazioFinanziato da: Regione LazioPeriodo: luglio 2008 - luglio 2009Il progetto è stato realizzato in collaborazione dalla LILA Lazio e dal Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli: la LILA ha potenziato le attività in esterna, realizzando interventi di sensibilizzazione e informazione nei luoghi di ritrovo cittadino e di aggregazione giovanile; il Mario Mieli ha potenziato i servizi di counselling, consulenza psicologica e legale, auto aiuto; un lavoro comune ha portato all’ideazione e alla realizzazione di un opuscolo dedicato alla prevenzione del virus Hiv e delle altre Infezioni Sessualmente Trasmissibili specificamente indirizzato al target omosessuale, bisessuale e transessuale.

LILA Lazio | Progetto di peer education rivolto agli studenti del L.S. Keplero 2010/2011
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA LazioFinanziato da: Provincia di RomaPeriodo: AS 2010/2011percorso laboratoriale finalizzato all’ideazione e alla realizzazione, da parte degli studenti precedentemente formati, di un prodotto/evento rivolto agli studenti di tutta la scuola (bersaglio allargato) e diretto alla diffusione di informazioni su Hiv e IST e alla promozione di comportamenti sicuri.

LILA Toscana | Interventi di supporto per l’attuazione della strategia di prevenzione Hiv in Italia, basata sull’evidenza e che rispetti la tradizione e cultura di provenienza degli individui
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA ToscanaFinanziato da: Comune FirenzePeriodo: 2007La LILA, all’interno del progetto nazionale “Interventi di supporto per l’attuazione della strategia di prevenzione HIV in Italia, basata sull’evidenza e che rispetti la tradizione e cultura di provenienza degli individui” coordinato dall’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) e finanziato dal Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (CCM), ha collaborato con il Consiglio degli Stranieri del Comune di Firenze per l’organizzazione e la raccolta dei dati quantitativi e qualitativi (questionari, interviste e focus group) nel territorio fiorentino.

LILA Toscana | Viola II e Viola III” - Intervento di peer education negli istituti superiori per la prevenzione all’Hiv/Aids
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA ToscanaFinanziato da: Ente Cassa di Risparmio di FirenzePeriodo: 2007-2008Il progetto “Viola III”, rivolto agli studenti delle classi III degli istituti superiori fiorentini, basato sul modello della peer education (educazione tra pari), prevede in una prima fase un’ assemblea, in cui vengono raccolte le adesioni degli studenti interessati a partecipare al progetto, e due incontri di formazione condotti da psicologi esperti, sui temi della prevenzione all’ Hiv/Aids e del lavoro di gruppo; in una secondo fase, gli studenti che hanno partecipato agli incontri vengono seguiti da un tutor per la realizzazione di materiale informativo sul tema Hiv/Aids, che sarà diffuso dagli stessi all’interno dell’Istituto Scolastico ed eventualmente in altri Istituti Scolastici.

LILA Toscana | Concorso Positivo – Compagnia di Prevenzione
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA ToscanaFinanziato da: Ente Cassa di Risparmio di FirenzePeriodo: giugno 2008 - luglio 2009Intervento di peer education negli istituti superiori per la prevenzione all’Hiv/Aids attraverso la creazione di un bando di concorso per la realizzazione di materiale e/o gadget.

LILA Toscana | Centri CreatHIVi
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA ToscanaFinanziato da: Ente Cassa di Risparmio di FirenzePeriodo: settembre 2009 - dicembre 2010Bando di concorso rivolto ai giovani e agli adolescenti dei centri giovani del territorio fiorentino per la realizzazione di materiale creativo sul tema HIV-AIDS.

LILA Toscana | Scuola Attiva
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA ToscanaFinanziato da: Ente Cassa di Risparmio di FirenzePeriodo: 2010-2011Intervento di peer education negli istituti superiori per la prevenzione all’Hiv/Aids.

LILA Trentino | Parliamone
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA TrentinoFinanziato da: singoli Istituti scolasticiPeriodo: 1995-2014Tempi: moduli variabili di uno/due interventi di uno/due operatore/i LILA, di tre/due ore scolastiche ciascuno, preceduti o meno da un lavoro preliminare degli studenti con gli insegnanti (questionario d’ingresso, filmato, lavori di gruppo).Destinatari: studenti degli Istituti di istruzione secondaria superiore e degli Istituti professionali. Obiettivi: ricerca e creazione di un clima di non giudizio sia rispetto al tema che nell’interazione; condivisione e confronto di saperi e vissuti circa HIV-AIDS e MTS; riorganizzazione di conoscenze ed esperienze sul tema HIV-AIDS e MTS; conoscenza delle caratteristiche epidemiologiche, cliniche e sociali dell'infezione da HIV in Trentino e in Italia; conoscenza delle modalità di trasmissione del virus HIV e delle principali MTS; consapevolezza della fondamentale rilevanza dei comportamenti individuali rispetto all’esposizione al rischio d'infezione; avvio di un percorso di responsabilizzazione circa i propri comportamenti; consapevolezza e rispetto delle varie diversità; uso corretto del preservativo. Metodologia: circle time; brain storming; lavori di gruppo. Strumenti: schede stimolo; slide; lavagna a fogli; filmati; questionari di ingresso e uscita; opuscoli informativi.

LILA Livorno | Prevenzione ed educazione sanitaria nelle scuole superiori di Livorno e provincia.
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA LivornoFinanziato da: educazione alla salute, USL 6 LivornoPeriodo: annualeL’Associazione svolge (nelle scuole, sul territorio) interventi diretti alla prevenzione del contagio da HIV, con distribuzione di materiale informativo ed elaborazione questionari.

LILA Bari | Servizio territoriale di prevenzione e lotta alla diffusione dell'Hiv e delle Mts all’interno della popolazione immigrata
(Prevenzione)

Realizzato da: LILA BariFinanziato da: Ministero della solidarietà sociale L.266/91Periodo: 2008Il progetto prevede l'apertura, nella città di Bari, di uno sportello informativo destinato alla popolazione immigrata. Attraverso una rilevazione dei bisogni e la realizzazione di un opuscolo multilingue da distribuire alla popolazione immigrata, si daranno informazioni sulla prevenzione delle infezioni da HIV e delle MTS e sui diritti in tema di cura.

Lila Piemonte | Prevenzione AIDS? Ci sto dentro!
(Prevenzione)

Realizzato da: Lila PiemonteFinanziato da: Contributo del Comune di TorinoPeriodo: ogni anno scolasticoLa Lila Piemonte ogni anno svolge tra ottobre-giugno una serie di incontri nell’ambito del progetto “Prevenzione AIDS? Ci sto dentro!”, finanziato con un contributo del Comune di Torino, rivolti agli allievi delle scuole superiori di Torino con i seguenti obiettivi: accrescere la cultura della prevenzione; fornire informazioni corrette al fine di responsabilizzare gli adolescenti a vivere una sessualità sicura modificando eventuali comportamenti a rischio nell’ottica della difesa della propria e altrui salute; accrescere la cultura della solidarietà e della difesa dei diritti; creare uno spazio di discussione e confronto con gli studenti, che permette ai ragazzi una maggiore spontaneità, che ha dato la possibilità di chiarire dubbi ed esprimere le soggettive perplessità rispetto alla sessualità e al rischio di contagio da HIV e altre IST (infezioni sessualmente trasmesse). Un altro tema particolarmente sentito e affrontato è stato la correlazione tra uso di sostanze stupefacenti in luoghi di aggregazione giovanile e l’abbassamento della percezione del rischio di contagio attuando comportamenti a rischio.

LILA Catania | Intervento di Riduzione del Danno rivolto alle persone che si prostituiscono (Sex-worker) tramite drop-in e Unità Mobile di strada
(Prostituzione)

Realizzato da: LILA CataniaFinanziato da: Ministero della Salute – Unicredit -nei periodi scoperti il progetto è stato finanziato con fondi della Lila CataniaPeriodo: 2000 - 2007Il progetto si propone di: a) individuare e quantificare le dimensioni del fenomeno prostituzione di strada a Catania; b) integrare le azioni del servizio pubblico con quelle del privato sociale e del volontariato; c) ridurre la diffusione delle MTS e dell’infezione da HIV; d) promuovere l’inserimento sociale dei sex worker attraverso l’accesso e l’utilizzo dei servizi sociosanitari del territorio; e) fornire informazioni sulle modalità di trasmissione e di prevenzione delle MTS in generale e dell’HIV in particolare; f) offrire un servizio a bassa soglia al fine di fornire assistenza sociale , psicologica, infettivologica, ginecologica e legale; g) facilitare l’accesso ai servizi specialistici del territorio attivando strategie di accompagnamento ad essi.Strumenti : Drop-in, Unità di strada , scheda utente, materiale informativo multilingue,Attività: Accoglienza , counselling in ambito sociale, professionale, legale, psicologico, medico( infettivologico e ginecologico) e accompagnamento ai servizi.