Situazioni particolari sul lavoro

facebook profilo braccioDrug test e interazione con i farmaci antiretrovirali

Da LilaChat, il forum della Lila
Lavoro da 2 anni con un contratto a termine presso una industria chimica, con scadenza contratto a fine anno, che da determinato passerà ad indeterminato… Ieri mi hanno avvisato che l'azienda ha preso a caso una decina di operai per fargli il drug test (test antidroga) in quanto conduciamo carrelli elevatori, e gestiamo degli impianti chimici complessi, mi hanno dato l'avviso ieri per fare il test oggi… Stamane ho letto meglio il foglio di avviso che ci ha consegnato il caporeparto, come in quasi tutti gli esami è indicato di specificare se si assumono farmaci, l’azienda della mia situazione non sa nulla (dello stato sierologico di ci scrive, N.d.R.), altrimenti non mi avrebbero assunto mai, come penso il 99% delle società private, io sono in cura da 3 anni e mezzo con Atripla, pensavo che non ci fossero problemi… Mi sono comunque messo stamattina a navigare su internet e ho trovato che atripla può dare delle false positività a questi esami soprattutto per la cannabis, mi e caduto il mondo addosso, soprattutto ora che dopo 2 anni sto per essere assunto, se dovessi risultare positivo, sono in una strada senza uscita, o dico che sono in terapia per l'hiv, e li sarebbe la fine, in quanto all'assunzione ho dichiarato di essere sano come un pesce, o altrimenti passo per consumatore di cannabis o di altre droghe, e li mi toglierebbero dagli impianti, quindi dal lavoro…”

Per i lavoratori e le lavoratrici addetti a mansioni che comportino particolari rischi per la sicurezza, l’incolumità e la salute di terzi, vi è l’obbligo di sottoporsi ad accertamenti antidroga proposti dall’azienda. Come nel caso soprariportato, generalmente il preavviso all’esecuzione del test antidroga è molto breve ed è accompagnato dalla richiesta di indicare se si assumano farmaci, poiché questi potrebbero interferire con gli esiti del test determinando dei falsi positivi. Anche alcuni farmaci antiretrovirali possono generare dei falsi positivi, per questo è opportuno segnalare se si è in terapia, anche se questo equivale sostanzialmente a dichiarare la propria positività all’Hiv. A questo proposito, ricordiamo che l’Hiv non può costituire motivo di discriminazione e che il medico del lavoro venuto a conoscenza dello stato di positività all’Hiv di un lavoratore è tenuto al segreto professionale.
Nella vicenda riportata, il test antidroga ha poi dato esito negativo ma ha comunque comportato un grosso stress. Se anche tu svolgi un lavoro che prevede accertamenti antidroga e non vuoi assolutamente dichiarare i farmaci che assumi, né rischiare di risultare positivo al test, il consiglio è quello di parlarne con il tuo infettivologo e di concordare fin dall’inizio una terapia che non presenti tale inconveniente in modo da non doverti trovare mai in una situazione del genere.

Viaggi e soggiorni per lavoro all’estero

Se il tuo lavoro prevede viaggi all’estero, è utile che tu conosca i paesi nel mondo che limitano l'ingresso, il soggiorno e la permanenza dei cittadini stranieri con Hiv. Mentre nel caso dei soggiorni turistici si hanno problemi solo in rarissimi casi, per i soggiorni prolungati - tipicamente quelli per motivi di studio o di lavoro –in alcuni paesi possono essere richiesti permessi particolari da cui le persone Hiv positive sono escluse. Nella maggior parte dei paesi con limitazioni all’ingresso, il test Hiv è obbligatorio.
Qui puoi trovare le norme di ingresso e di soggiorno per le persone Hiv positive nel mondo:

Test Hiv in ambito militare

Tra gli accertamenti sanitari ai quali gli appartenenti alle Forze Armate sono periodicamente sottoposti vi è anche il test per l’Hiv. La certificazione di assenza di positività all’Hiv è inoltre condizione di ammissibilità a tutti i bandi di concorso indetti dal Ministero della Difesa, indipendentemente dal ruolo che i partecipanti saranno in concreto chiamati a ricoprire: il test è richiesto ai sedicenni per l’iscrizione all’Accademia, così come agli aspiranti suonatori della banda e agli agonisti sportivi.
Il ministero della Difesa, interpellato dalla Lila per le numerose richieste da parte del personale militare di informazioni su possibili conseguenze per l'eventuale positività all'Hiv, e sull'obbligo di presentare un certificato "Hiv negativo" per poter accedere a qualunque bando di concorso della Difesa, ha risposto rivendicando quanto deciso: il personale già assunto va ridimensionato nelle mansioni, e ai bandi possono concorrere solo persone con un test Hiv negativo.

 

facebook profilo candy

Introduzione

Brochure in formato Pdf

facebook profilo mary

Richiesta di Test Hiv sul luogo di lavoro

Aspetti giuridico-normativi
Perché non ha senso richiedere il test Hiv
E allora perché il test viene richiesto?
Facciamo chiarezza!

facebook profilo braccio

Situazioni particolari sul lavoro

Drug test e interazione con i farmaci antiretrovirali
Viaggi e soggiorni per lavoro all’estero
Test Hiv in ambito militare

facebook profilo nonna

Licenziamento, trasferimento e cambio mansioni

Disciplina del licenziamento
Trasferimenti o cambi di mansione

facebook profilo mario

Le agevolazioni in ambito lavorativo

Agevolazione per le assunzioni
Permessi retribuiti
Benefici economici
Invalidità civile

facebook profilo clark

Discriminazioni: cosa puoi fare

Discriminazioni: cosa puoi fare