Test Rapido HIV nei community sites: risultati di uno studio multicentrico in Italia.

Data: dati presentati in occasione di ICAR 2014 (VI Italian Conference on Aids and Retroviruses) - maggio 2014
Autore: Paola Scognamiglio (INMI "L. Spallanzani"); Massimo Oldrini (LILA); Giacomina Chiaradia (INMI "L. Spallanzani"); Emidio Albertini (Arcigay); Antonella Camposeragna (CNCA); Massimo Farinella (Circolo Mario Mieli); Marta Giovanetti (INMI "L. Spallanzani"); Daniela Lorenzetti (ANLAIDS); Maria Rita Parisi (Dipartimento di Malattie Infettive, Fondazione San Raffaele Milano); Maria Grazia Pompa (Ministero della Salute); Laura Rancilio (Caritas); Adriano Lazzarin (Dipartimento di Malattie Infettive, Fondazione San Raffaele Milano); Enrico Girardi (INMI "L. Spallanzani"); Giuseppe Ippolito (INMI "L. Spallanzani").


Lo studio è stato effettuato sulla base dei dati raccolti nel corso delle attività di offerta del Test rapido salivare HIV nell'ambito del progetto "Sperimentazione di un intervento per favorire la diagnosi tempestiva dell'infezione da HIV attraverso l'offerta attiva di test rapido salivare".

Conclusioni: I risultati dello studio hanno dimostrato un alto grado di accettazione del test rapido HIV ed una buona efficacia di un programma di test rapido Hiv in ambienti di community e sensibilizzazione, in termini di persone risultate positive e collegate al sistema di trattamento e cura.
I nostri dati suggeriscono l'opportunità di implementare in Italia questa strategia.