Caterina Zorzi 1 okCaterina Zorzi era nata a Padova il 28 luglio del 1961. Operatrice psichiatrica, scoprì di aver contratto l’infezione da HIV nel 1984 e da allora divenne un’instancabile attivista, presente in tutte le grandi battaglie per i diritti delle persone con HIV. Si avvicinò da subito alla LILA fino a divenire parte fondamentale della nostra storia. Nell’aprile del 1996 è stata tra i fondatori e le fondatrici di Lila Trieste, città in cui viveva a e lavorava. Dal 2002 al 2005 è stata anche membro del Coordinamento nazionale dell'Associazione. Caterina ci ha lasciati lo scorso ottobre.In occasione di questo 8 marzo il nostro ricordo è per lei, un’amica e una donna forte e coraggiosa.

Nella foto: Caterina nel 1996 durante l'occupazione di Farmindustria: guarda il video!

"Conosco Katerina dai periodi di GrupPS+/LILA, quindi parliamo degli anni 90..., ANNI TREMENDI DOVE TANTI AMICI SE NE SONO ANDATI, ma anche anni di lotta e di condivisione.  Nascevano rapporti di amicizia al di là di tutto, chi c'e' ancora se li ricorda bene... un brivido mi percorre la schiena, abbiamo preso la vita a morsi e lottato contro le discriminazioni e le cattiverie. Cara amica Kate, sono contenta di aver condiviso con te gli ultimi anni della tua vita... ti voglio bene amica e mi mancheranno le tue telefonate dove mi bisbigliavi di tutto e prima di riattaccare mi dicevi sempre 6000 baci ... sono consapevole anche che eri stanca e spesso mi  dicevi che non ne potevi più. Spero tu sia con il tuo Alessandro e gli amici...non è la fine del discorso...come diceva un nostro vecchio compagno ....CIAO SBARAZZINA!!!!!!!

Gabry

È andata via una parte della memoria storica della LILA e per chi l'ha conosciuta, rimarrà il ricordo del suo forte impegno”.

Lina Calluso, Presidente LILA Bari

"Quando Gabry mi ha telefonato per informarmi che ci avevi lasciato, in un attimo mi sono passati davanti agli occhi  e attraverso il cuore i momenti passati insieme, le discussioni, le risate e soprattutto le battaglie combattute insieme. Di questi ultimi anni ricordo le tue telefonate, fatte nei momenti più improbabili, durante le quali mi raccontavi di te, dei tuoi desideri, della tua rabbia, delle tue fatiche, della tua indignazione... E poi, senza darmi quasi il tempo di replicare, mi salutavi frettolosamente sommergendomi di baci. Hai fatto parte della storia Caterina! Nel periodo in cui stigma e discriminazione portavano le persone con HIV a nascondersi tu non hai avuto paura, a testa alta e con determinazione ti sei battuta per i diritti delle persone con HIV. Mi/ci mancherai Cate...Hasta la victoria siempre!"

Maria Stagnitta GRuPS+/LILA e Presidente Forum Droghe

“Caterina, e chi la dimentica? Ricordo l’anno in cui a Roma, al centro convegni Cavour, un bel numero di partecipanti delle sedi LILA era al seminario di Nadir e, in concomitanza, c’era un raduno di Forza Nuova e Caterina che gridava loro in faccia: “mi fate schifo” e ........e poi le sue battaglie sulla cannabis... chi le dimentica? Mi mancherà…”

Sandra Curridori, LILA Milano

“Era una forza della natura e ho avuto la fortuna di conoscerla e di scoprire con lei una parte della storia della LILA. Era molto determinata e alcune volte la sua voglia di combattere per i diritti delle persone sembrava... una splendida "follia"... ma Kate sapeva molto bene cosa voleva e come battersi per ciò in cui credeva. Sarai sempre al nostro fianco… assieme a tutti i nostri amici e amiche che ci hanno lasciato da tempo. E se c’è un altro luogo dopo la morte, Lei si starà divertendo con Maurizio, Edy, Marcone, Ennio ... per dirne solo alcuni. Un abbraccio simbolico da parte mia Kate”.

Giusi Giupponi, Presidente LILA Como e Coordinamento nazionale LILA

“E’ bello poterla ricordare per l’8 marzo tra le donne che hanno fatto mille battaglie per i diritti delle persone con HIV; seppure molte perse, non si arrendeva mai, consumata esteriormente nel corpo ma con un grande fuoco interiore di battagliera..Lei resterà viva tra di noi, insieme a tutti gli amici che ci hanno lasciati. Ttra i suoi soliti 6000 baci, sicuramente,  ognuno di noi  ne riceverà uno… ci mancherà , Ciao Kate!

Roberta Musumeci, LILA Catania

“Molti i ricordi di Caterina, con cui ho condiviso un percorso di crescita ed emancipazione all’interno di GruPS+/LILA il gruppo di attivisti con HIV della LILA. Sicuramente il più forte risale al 1996 quando, con Monica, Ennio, Marco e Toy, ci incatenammo nella sede di Farmindustria a Milano per chiedere la disponibilità immediata di Inibitori della Proteasi che al tempo le multinazionali non davano all’Italia. Una donna che si è battuta per una maggiore attenzione alle tematiche femminili, dai dosaggi dei farmaci antiretrovirali adeguati alle donne ad un approccio di genere all’HIV. E anche grazie alle sue battaglie se oggi tante persone con HIV possono curarsi e avere nuove aspettative di vita. Grazie Cate! Ci mancherai…”

Massimo Oldrini, Presidente nazionale LILA