Contro l'Aids, sosteniamo Lila

sms2014

Campagna conclusa!
Continua a donare qui!

Contro l'Aids, con la testa e con il cuore.

Per combattere l’AIDS ci vogliono testa e cuore. La testa usala sempre, in ogni rapporto sessuale, utilizzando il preservativo. Il cuore ti chiediamo di usarlo oggi, donando a Lila, tramite numerazione solidale - SMS o chiamata da telefono fisso - al 45508, dal 23 Novembre al 7 Dicembre 2014.
E' possibile inviare un SMS del valore di 2 euro da tutti i cellulari TIM, Vodafone, Wind, 3, PosteMobile, CoopVoce e Nòverca.
Chiamando lo stesso numero da rete fissa si possono donare 2 euro con TeleTu e TWT, oppure 2 o 5 euro con Telecom Italia, Infostrada e Fastweb.

Testimonial per LILA Onlus è la conduttrice televisiva Elena Di Cioccio che per il terzo anno ha rinnovato il suo impegno a fianco della Lila prestando pro bono la propria immagine per la campagna raccolta fondi, destiinata al progetto "Donna - Prevenzione al Femminile"

Il Progetto Donna è fortemente indirizzato alla popolazione femminile del territorio nazionale.
Gli obiettivi del progetto sono: aumentare l'informazione tra la popolazione femminile, promuovere l'adozione di comportamenti (sessuali e non) sicuri, sostenere le donne con Hiv.

Quest'anno Lila aggiunge un tema importantissimo per le donne, gravidanza e genitorialità in una coppia sierodiscordante.

Le donne sono maggiormente esposte a rischio di contrarre l'infezione da HIV rispetto agli uomini per una serie di fattori biologici, sociali e culturali

Ciò avviene perché:

  • le donne pensano di non essere a rischio in quanto sono convinte che l'HIV riguardi solo altri gruppi di persone (omosessuali, tossicodipendenti, prostitute), benchè il virus sia in continuo aumento tra la popolazione eterosessuale che rappresenta, al momento, la fascia a maggior rischio;
  • le donne non sanno di essere più vulnerabili in quanto più esposte all'infezione per fattori biologici;
  • le donne pensano di non essere a rischio se hanno una relazione di coppia stabile; in realtà, molte donne contraggono l'HIV all'interno di una relazione ritenuta "stabile", ovvero dal proprio partner che ha rapporti al di fuori della coppia;
  • le donne spesso hanno paura di chiedere, prima di un rapporto sessuale, di utilizzare il preservativo, perché temono il giudizio negativo del partner; se lo chiedono e lui rifiuta, non hanno le capacità di convincerlo.

Per conoscere il progetto clicca qui!

Spot video
La storia di Chiara

video chiara 
Hiv e genitorialità
scarica la brochure

genitorialita
Hiv e genitorialità
una sezione dedicata

gravidanza donna

 

La Lila cerca spazi gratuiti per diffondere la campagna

Contattate il nostro ufficio stampa fornendoci le vostre specifiche tecniche e provvederemo a fornirvi il file adeguato (spot video e audio, stampa, banner).
Ufficio Stampa email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 031.268828 (da lunedì a venerdì, dalle 10:00 alle 16:00)
Tel. 348.7323800 (in altri orari)

 

Credits

LILA ha realizzato gli strumenti di comunicazione a sostegno del Progetto Donna grazie al contributo volontario di tanti professionisti che hanno lavorato “con la testa e con il cuore”. 
Oltre al ringraziamento speciale per la testimonial, Elena di Cioccio, si ringraziano:

Roberto Bernocchi, Alberto Favret e Alessandro Rea per la creatività www.bebetterworld.com

Livio Colaci, Cristina Perone – Grafica

Fonovideo Sync – per lo speakeraggio e la realizzazione dello spot radio

Alessandro Messina, hair stylist

Simone Pera per la regia e le riprese, le foto, la post produzione

Claudio Rascio, digital strategist  http://mentalclaud.wordpress.com/

Giulia Scudeletti, attrice, nella parte di Chiara

Patty Straface, trucco

Anahi’  Traversi, la voce di Chiara

Gli amici della campagna di LILA:


E, last but not least…

Lo staff e i volontari LILA, per il contributo di pensiero e lo straordinario lavoro di équipe nella realizzazione del progetto, ed in particolare agli amici di LILA Milano e LILA Lazio senza i quali questa campagna non sarebbe stata possibile.