Comunicati Stampa 2015

Ufficio Stampa email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Tel. 348.0183527
LILA Nazionale Onlus | Lega italiana per la lotta contro l'Aids | Via Varesina 1, Como

freccia Hiv e media. Breve guida per gli operatori dell'informazione

Epatite C, associazioni: "Trattati solo metà dei pazienti promessi, a rischio salute e sconti sui nuovi farmaci"

Arcigay, Anlaids, Lila, Nadir, Mario Mieli e Plus denunciano: "A un anno dalla stipula del contratto per la rimborsabilità delle nuove terapie contro l'Epatite C trattati solo la metà dei 50mila promessi". "Con la scadenza del contratto nei prossimi mesi si perderà in salute dei cittadini con coinfezione Hiv e Hcv ma anche in risorse del Servizio Sanitario Nazionale, dati gli sconti previsti per un maggior volume di medicinali acquistati".

Leggi tutto...

World Aids Day: eventi in tutta Italia e 25mila preservativi gratis

In occasione della giornata mondiale per la lotta all'Aids, la LILA organizza giornate di test gratuito e altri eventi nelle sue sedi di Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Como, Livorno, Firenze, Milano, Roma, Torino e Trento in cui saranno distribuiti preservativi a marchio Coop donati dall'azienda italiana.

Leggi tutto...

In Italia circa 660 nati con Hiv. Chiediamo responsabilità e azioni contro lo stigma.

"E' inaccettabile che nel 2015 un ufficio scolastico regionale inviti una bambina con Hiv a fare lezioni a distanza. Questo episodio ci riporta la grande ignoranza sul tema proprio da parte di quelle istituzioni che devono occuparsi dell'istruzione e della cura dei più piccoli": Così Massimo Oldrini, presidente della LILA (Lega Italiana per la Lotta contro l'Aids) interviene sulla vicenda della bambina esclusa dalla scuola e da 35 comunità di accoglienza perché con Hiv, denunciata ai media dai genitori affidatari della piccola.

Leggi tutto...

Dialoghi su piacere e protezione il 2 ottobre a Lecce con Lila e Fiss

In occasione della Settimana del Benessere Sessuale (28 settembre – 3 ottobre), nell'ambito di "A far l'Amore... Il festival della sessualità consapevole".

2 ottobre, ore 18.30, Palazzo Vernazza, Lecce - Un calice di vino con Roberta Rossi, sessuologa presidente della Fiss (Fed. Italiana Sessuologia Scientifica) Viviana Bello, coordinamento LILA ed Errica Goffredo, consulente La Valigia Rossa.

Leggi tutto...

Droghe: In Italia rischio Aids per chi usa sostanze maggiore del 15% che in Europa

In Italia il 43% delle persone che assumono sostanze per via iniettiva arriva tardi alla diagnosi da Hiv contro il 29% della media europea, a causa dello scarso uso del test. Urgente un piano nazionale per la riduzione del danno e un cambio di approccio alla questione.

Leggi tutto...

ICAR: 8000 persone coinfette Hiv/Hcv a rischio vita - Associazioni chiedono audizione a AIFA

"Abbiamo oggi un'ulteriore conferma dell'urgenza di curare coloro che hanno una doppia infezione da Hiv e Epatite C e chiediamo subito un tavolo con Aifa e le case farmaceutiche": lo affermano i presidenti delle associazioni Lila, Nadir e Plus commentando i dati presentati alla Conferenza Italiana su AIDS e Retrovirus secondo cui 376 persone delle 8000 che in Italia hanno una grave coinfezione Hiv e Epatite C moriranno nei prossimi 5 anni se non trattati con i nuovi farmaci".

Leggi tutto...

Nuovi farmaci Epatite C: Presentata interrogazione su accesso coinfetti Hiv/Hcv

L'On. Donata Lenzi (PD) aderisce all'appello della LILA e chiede al ministro della Salute se non ritenga urgente includere le persone con Hiv – su cui l'epatite C evolve più rapidamente e con esiti peggiori - tra coloro che possono essere curati prioritariamente con le nuove terapie, intervenendo nei confronti dell'Aifa.

Leggi tutto...

Nuovi farmaci per Epatite C: Aifa esclude persone con HIV dall’accesso rapido

Le associazioni LILA, NADIR, PLUS al ministro della Salute Lorenzin: “Per le persone con Hiv/Aids l'epatite evolve più rapidamente e con esiti peggiori. Perciò chiediamo di rispettare ciò che dice l’Organizzazione Mondiale della Sanità e agevolarle nell'accesso al trattamento”. 

Leggi tutto...